Covid19 in Campania, record di contagi: tamponi in aeroporto a Capodichino

0

In Campania ci sono stati più contagi a settembre che durante tutto il lockdown, per questo il presidente Vincenzo De Luca annuncia misure restrittive: tamponi in aeroporto a Capodichino.

Vincenzo De Luca

Una situazione incontrollabile che rende necessaria un’ordinanza di urgenza che renda obbligatorio per chi arriva a Napoli in aereo il test per il Covid19. Delle migliaia di passeggeri che in questi giorni sono transitati per lo scalo napoletano, quasi nessuno ha accettato di eseguire il tampone volontario. Si tratta di persone provenienti da nazioni dove il livello di contagi è altissimo, come la Francia e la Spagna.

Per questo motivo il presidente Vincenzo De Luca ha deciso di attivare un sistema di controllo molto più rigoroso, soprattutto per questi turisti italiani e stranieri che provengono dai focolai attivi di Coronavirus. I test saranno resi così obbligatori all’arrivo in aeroporto, così come il rilascio di tutti i dati sensibili necessari ad attivare il contact tracing in caso di positività.

I nuovi casi di Covid19 rilevati in Campania nell’ultima giornata sono 245, lo comunica l’Unità di Crisi della Regione. Sul territorio ci sono ora 11.864 contagiati da Coronavirus, sebbene non sia morto nessuno nelle ultime 24 ore.

Nonostante l’allerta e l’obbligo di mascherine anche all’aperto, a Napoli continuano a verificarsi assembramenti e violazione delle norme sanitarie. Un circolo ricreativo è stato sigillato in via Cesare Rosaroll a causa delle molte persone ammassate all’interno prive di Dpi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Campania, De Luca: Se i contagi non calano chiuderemo tutto

Controlli anti-covid in Campania

In totale, in poche ore sono state multate nella movida di Napoli quattro persone che non indossavano la mascherina, altri tre locali della sono stati chiusi e addirittura tre persone sono state arrestate. Nonostante pioggia e maltempo, le Forze dell’Ordine hanno sottoposto a controlli oltre 500 persone tra Chiaia e Mergellina.

Per questi motivi l’Asl Napoli 3 Sud ha deciso di avviare un programma di formazione dedicato alle scuole. Si tratta di una piattaforma che contiene le domande più frequenti sul Coronavirus e la sua diffusione, con le risposte giuste e le buone pratiche da mettere in campo.

Il corso dà diritto a un certificato, può essere seguito online accedendo tramite una password e si rivolge ai docenti. L’Asl Napoli 3 Sud è la prima azienda sanitaria in Italia ad attivare un servizio simile. La collaborazione con le scuole rende possibile in futuro nuove forme di scambio tra istituzioni, soprattutto per la creazione di programmi di prevenzione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui