Formula 1, qualifiche GP Russia: Hamilton ancora in pole, male le Ferrari

0
39

Si sono concluse poco fa le qualifiche del GP di Formula 1 in programma a Sochi, in Russia. Ennesima pole position per Hamilton, le Ferrari fuori al Q2

qualifiche formula 1
Si sono concluse le qualifiche del GP di Formula 1 in Russia (Getty Images)

Si sono concluse poco fa le qualifiche di Formula 1 per il GP in programma a Sochi, in Russia. Come da previsioni, lo spettacolo non è mancato, e domani ci si aspetta una gara con diversi colpi di scena. Primo della classe, tanto per cambiare, uno straordinario Lewis Hamilton con la sua Mercedes.

A completare la prima fila, Max Verstappen con la sua Redbull. Purtroppo non è una novità neanche il disastro delle Ferrari, che ancora una volta sono state escluse dal Q3. Sebastian Vettel è finito a muro nel terzo settore del circuito, mentre davanti a Charles Leclerc si è piazzato Ocon, più veloce di 43 millesimi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, Paratici vuole il calciatore della Lazio: la richiesta

Formula 1, Leclerc: “Sono arrabbiato, vediamo domani come va”

formula 1 qualifiche
Il commento a caldo di Leclerc post qualifiche (Getty Images)

Un altro weekend che si prospetta molto complicato per le Ferrari. Si sono concluse da poco le qualifiche del GP di Sochi, in Russia, e né Vettel né Leclerc sono riusciti ad accedere al Q3. Intervistato da Sky Sport, il pilota monegasco è sembrato parecchio deluso per il risultato ottenuto. “Sono molto arrabbiato, devo smaltire e calmarmi subito. La radio mi ha mandato un messaggio dicendomi che avevo margineha spiegato Leclerc: “Ho guidato molto male, sarà un weekend difficile“.

Sull’andamento delle qualifiche, ha poi continuato: “Dispiace, stavo iniziando a prendere ritmo. Non sono riuscito a vedere quanto potenziale avevamo“. Infine, due parole sulle gomme: “È buono se c’è un vantaggio, ma non è così netto. Sarebbe stato meglio partire ottavo senza scelta gomme“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Esame Suarez, la Procura sospende l’indagine: il motivo 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui