Riapertura stadi, Anelli: “Potrebbe accadere quanto successo con le discoteche”

0
38

Il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, ha analizzato la possibilità della riapertura degli stadi in Italia

Riapertura stadi, Anelli

Il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri, Filippo Anelli, ha analizzato la possibilità di riaprire gli stadi a breve. “Riaprire adesso gli stadi potrebbe portare ad una situazione analoga a quanto accaduto con le discoteche. In questo periodo invito a migliorare la trasmissione delle partite tramite canali tv. Va limitato l’accesso agli stadi e vanno mantenute le misure necessarie ad evitare assembramenti e contatti. Servono il distanziamento, accessi scaglionati, uso di mascherine e disinfettanti”. Poi prosegue: “Abbiamo, grazie alla nostra disciplina, conquistato un primato riconosciuto dall’Europa – riportano i colleghi de LaRoma24 – nella gestione del coronavirus. Ora serve continuare sulla stessa linea usando cautela e prudenza per non perdere quanto acquisito con molti sacrifici. Soprattutto ora che sono state riaperture le scuole, una priorità, che aumenteranno la possibile circolazione del virus con il moltiplicarsi dei contatti tra persone”.

LEGGI ANCHE—> Covid-19, bollettino 25 settembre: 1912 contagi e 20 morti

Riapertura stadi, le linee guida delle regioni

Serie A Miozzo

Le regioni hanno approvato un documento di proposta al governo con delle linee guida per la possibile riapertura degli stadi per un massimo fino al 25% della capienza dell’impianto. Ad annunciarlo è il vicepresidente della Conferenza delle Regioni e Province autonome, Giovanni Toti. La proposta prevede che gli spettatori assistano alla gara muniti di mascherine e che siedano su posti assegnati personalmente e distanziati. All’ingresso gli addetti ai lavori misureranno la temperatura prima di entrare. Intanto prosegue la misura riguardante l’accesso allo stadio da parte di un massimo di 1000 persone. Tra questi il Lazio con il governatore Nicola Zingaretti che ha firmato l’ordinanza per Roma-Juventus del 27 settembre e Lazio-Inter del 4 ottobre.

LEGGI ANCHE—> Campania, De Luca: “Se i contagi non calano chiuderemo tutto”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui