Richiamo alimentare per il salmone selvaggio affumicato

0
33

Il Ministero della Salute ha pubblicato sul proprio sito ufficiale un nuovo richiamo alimentare, stavolta a dar problemi è il salmone selvaggio affumicato

richiamo alimentare

Il Ministero della Salute è sempre molto attento alla salute dei cittadini e lavora continuamente al monitoraggio degli alimenti che ogni giorni finiscono sulle nostre tavole. L’ultimo richiamo alimentare riguarda il salmone selvaggio affumicato per un rischio microbiologico. La confezione presa di mira è stata quella di 100 grammi.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, i pazienti obesi hanno più probabilità di morire: lo studio

Richiamo alimentare per il salmone, l’avviso del Ministero

nas coronavirus

La data del richiamo è del 23 settembre 2020 e riguarda il marchio ‘Salmone Selvaggio Sockeye affumicato’ venduto nelle confezioni di 100 grammi. L’azienda che commercializza il prodotto è la Polar Salmon Hjerting con sede ad H.E Bluhmes Vej, 18-6700 Esbjerg (Danimarca). Il lotto di produzione richiamato è l’19152282, mentre il marchio di identificazione il DK-1746. La data di scadenza del prodotto è 16/10/2020. Il Ministero ha chiede ai clienti di non consumare assolutamente il prodotto. Il motivo del richiamo riguarda la possibile presenza di Listeria Monocytogenes.

Cos’è il Listeria Monocytogenes

La Listeria monocytogenes è un batterio che causa la listeriosi, ovvero una tossinfezione alimentare. Il batterio si trova in genere nel terreno e nell’acqua e può facilmente contaminare ortaggi e verdure. La causa dell’infezione riguarda la presenza del listeria nel cibo che viene mangiato. Per essere infettati bastano 100 cellule batteriche per grammo di cibo. I sintomi che porta in genere sono febbre, nausea, diarrea e dolori muscolari. Quando colpisce il sistema nervoso porta ad emicranie, confusione, irrigidimento del collo e perdita dell’equilibrio. Per prevenire la listeriosi si possono adottare accorgimenti come la completa cottura dei cibi, lavare con attenzione verdure ed ortaggi prima della consumazione. Evitare di mangiare latticini e derivati se non pastorizzati e consumare alimenti deperibili in tempi brevi.

LEGGI ANCHE—> Cracco, la sua pizza gourmet servita senza una fetta: il motivo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui