Nasa, il nuovo obiettivo è riportare l’uomo sulla Luna nel 2024

La NASA ha annunciato un piano per riportare l’uomo sulla Luna nel 2024. Ma come ha chiarito il suo amministratore, pesa molto l’incertezza politica su questo progetto.

Getty Images

L’obiettivo sarà quello di riportare gli astronauti sulla Luna nel 2024. Ad annunciarlo è stata la NASA. L’agenzia governativa Usa responsabile dei programmi spaziali ha inoltre reso pubblico che il costo stimato per poter rispettare questa scadenza sarà di 28 miliardi di dollari.

Di questi, 16 miliardi serviranno solamente per coprire i costi dell’atterraggio lunare. Adesso spetta a Congresso dare il via libera allo stanziamento di questi fondi. Certo, le imminente elezioni americane rappresentano in questo senso un problema. Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ritiene infatti che questa missione della Nasa vada considerata una priorità assoluta. 

Leggi anche: Nasa offre 180mila dollari per chi inventa nuovo metodo di aspirazione

Nasa, ritornare sulla Luna entro il 2024: un progetto fortemente voluto da Trump

Getty Images

Ma nel caso in cui non fosse riconfermato, non è affatto detto che il nuovo presidente Usa sia dello stesso avviso. E forse anche per questo Jim Bridenstine, amministratore della NASA, intervistato da giornalisti ha spiegato che queste genere di rischi politici, legati ai cambi di presidenza, rappresentano sempre la più grande incognita per il proseguo dei progetti dell’agenzia spaziale.

Il riferimento probabilmente è anche all’ex Presidente Usa Barack Obama. Questi infatti, nonostante il suo predecessore avesse destinato un’enorme quantità di fondi per la missione su Marte, aveva invece deciso di sospendere il progetto. 

Nasa, una ricerca fa una scoperta sull’atmosfera solare

Nel Sole è presente una grande quantità di Elio. Questo è quanto afferma uno studio scientifico pubblicato sulla rivista Nature Astronomy. La ricerca è stata finanziata dalla Nasa avvalendosi della collaborazione dei ricercatori dell’Istituto Nazione di Astrofisica e dell’Università di Firenze.

Leggi anche: Nasa, scoperte grandi quantità di elio nell’atmosfera solare