Bere caffè può portare benefici? Cosa dicono gli esperti

0
45

La bevanda più consumata e amata al mondo è il caffè. Ma l’assunzione di tale bevanda può portare benefici al nostro corpo? Sentiamo il parere degli esperti. 

Caffè
Caffè in chicchi (photo Pixabay)

Il caffè è una delle bevande più consumate in Italia e nel mondo. Molti assumono questa bevanda in modo particolare al mattino per le sue proprietà eccitanti rilasciate appunto dalla caffeina. Ma il caffè nasconde in se molteplici proprietà fra cui la prevenzione di rischi del cancro del colon.

Prima di proseguire con la spiegazione di questa sua proprietà, è giusto conoscere una delle tante leggende legate a questa bevanda. Nel Monastero Chehodet, nello Yemen, uno dei monaci era venuto a conoscenza, da un pastore di nome Kaldi di una pianta che rendeva vivaci i suoi cammelli.

Il pastore, secondo la leggenda, aveva riferito al monaco che i suoi cammelli quando mangiavano certe bacche restavano svegli anche di notte.

A quel punto il monaco decise di studiare questa pianta e in un secondo momento preparò un infuso a base di bacche di caffè. Il risultato ottenuto accontentò tutti i monaci in quanto potevano restare svegli per poter pregare più a lungo.

Potrebbe interessarti anche: Ricette top: come preparare una deliziosa zuppa esotica

Bere caffè può portare benefici? Cosa dicono gli esperti

Caffeina obesità
Caffè (da Pixabay)

Bere la giusta quantità di caffè può portare dei benefici per la salute. Alcuni ricercatori, come riportato sulla rivista scientifica Jama Oncology, rivelano che il consumo di caffè può ridurre il rischio di tumore al colon.

Mentre sui pazienti già affetti da questa malattia, il consumo di questa bevanda ha dimostrato di poter ridurre la progressione della malattia.

Un ultimo studio, invece, che ha coinvolto i ricercatori di alcuni dei principali dipartimenti di oncologia medica e centri di eccellenza degli Stati Uniti, hanno riportato ulteriori dettagli su questa tesi.

Gli studiosi statunitensi hanno valutato la relazione tra il consumo di caffè e la progressione della malattia in un gruppo di 1171 pazienti.

Il risultato ottenuto è stato il seguente: all’aumento dell’assunzione di caffè era associato un aumento significativo del miglioramento della vita del paziente.

Rispetto ai pazienti che non bevevano caffè, coloro che consumavano almeno una tazza al giorno hanno avuto un aumento dell’11% del tasso di sopravvivenza globale e del 5% della sopravvivenza libera da progressione della malattia.

Mentre nei pazienti che consumavano quattro o più tazze di caffè al giorno, l’aumento del tasso di sopravvivenza globale ha raggiunto il 36%, con un miglioramento del 22% della sopravvivenza libera da malattia.

Potrebbe interessarti anche: Speravo de morì prima: casting e prima foto della Serie TV su Francesco Totti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui