Elezioni regionali 2020, seggi chiusi: i primi Exit Poll

0

Elezioni regionali 2020, ecco i primi exit pool dopo la chiusura dei seggi. I risultati in tempo reale per quanto riguarda le votazioni in Valle D’Aosta, Liguria, Veneto, Toscana, Marche, Campania e Puglia. 

Elezioni regionali 2020
Elezioni 2020, buona affluenza (Getty Images)

Elezioni Regionali 2020, gong finale poco fa alle 15.00 nei seggi di sette territori italiani. Nello specifico parliamo della Valle D’Aosta, Liguria, Veneto, Toscana, Marche, Campania, Puglia. Si procederà prima con lo spoglio del referendum relativo ai parlamentari, poi l’altro specifico appunto ai contesti regionali.

Covid-19, strano effetto sulle elezioni: nessuno vuole lavorare nei seggi (Foto: Getty)

Elezioni Regionali 2020, gli exit pool 

Nel frattempo filtrano i primi risultati degli exit pool. In Val D’Aosta, per esempio, è al momento la Lega il primo partito con 20-24%. Segue il Progetto Civico Progressista che comprende anche il Pd con il 13-17, l’Union Valdoteaine con 11-15% e il Centrodestra (FI e Fdi-Meloni) con l’8-10%.

Potrebbe interessarti anche —-> Mes, Di Maio: “Alimenta tensioni all’interno della maggioranza”

In Liguria c’è invece il governatore uscente Giovanni Toti del Centrodestra in pole position con 51-55% seguito da Ferruccio Sansa (Centrosinistra) con il 38-42%. Super vittoria in arrivo invece per Luca Zaia (centrodestra) in Veneto con 72-76%. Alle sue spalle spuntano Arturo Lorenzoni (centrosinistra) al 16-20%, Enrico Cappelletti (M5S) col 3-5% e infine Gadagnini (Civica) con un minimo 0-2%.

In Toscana è invece in vantaggio il centrosinistra con Eugenio Giani che è al 43.5-47.5. Gli è tuttavia vicino Susanna Ceccardi del Centrodestra con 40-44% mentre restano in fondo Irene Galletti (M5S) e Tommaso Fattori (Civica) rispettivamente col 4.5-6.5% e col 2-4%. Nelle Marche c’è Francesco Acquaroli del Centrodestra in avanti: 47-51% per lui. Dietro di lui c’è Maurizio Mangialardi del Centrosinistra con il 34-38% e poi Gian Mario Mercorelli del M5s a 7-9%.

In Campania il presidente uscente Vincenzo De Luca del Censtrosinistra è al 54-58%, rispetto al 23-27 del concorrente Stefano Caldoro e al 10.5-14.5 di Valeria Carambino del M5S. In Puglia, infine, c’è al momento un testa a testa tra Raffaele Fitto (centrodestra) e Michele Emiliano (centrosinistra) con 39-43% rispettivi. Resta dietro Antonella Laricchia (M5S) con 11-15%, ancora peggio Ivan Scalfarotto (Italia Viva) con 1-3%.

Leggi anche —-> Recovery, Gualtieri: “Meloni e Salvini imbarazzanti, non hanno argomenti”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui