Turismo, crollati i prezzi degli hotel in Italia: a Venezia -22,2%

0
32

Turismo, sono crollati i prezzi degli hotel nel Bel Paese a causa della crisi da coronavirus. A pagarne le spese è soprattutto Venezia con un -22.2% choc. Di seguito il quadro completo. 

Hotel Excelsior lido di Venezia
Hotel Excelsior lido di Venezia (cvent.com)

L’Italia continua a risentire dalla crisi da coronavirus, malgrado un’estate comunque migliore delle aspettative nonostante tutto. Ma a dare nell’occhio è soprattutto il crollo della città dell’arte, Venezia, che più di tutte sembra aver risentito della frenata turistica dovuta alla pandemia in corso. Secondo quanto ha infatti evidenziato l’Unione Nazionale Consumatori, per il capoluogo veneto c’è stato un vero e proprio crollo per quanto riguarda i prezzi degli hotel.

Venezia Piazza San Marco
 (Foto: Getty)

Turismo, in calo tante città italiane

Per la località si registra infatti un -22.2% addirittura, un dato enorme in confronto a Firenze che registra invece un -7.5%, Bologna che conta una discesa del -7.3% e Roma del 4.5%. Per le città che hanno evidenziato i ricavi minori spicca invece Trapani, con un calo del 29..8%. Ma c’è anche chi è riuscito a trarre un vantaggio in questo periodo particolare. Parliamo per esempio di Parma, Cosenza e Cuneo per i quali c’è stata una salita rispettivamente dell’11.4, dell’11.1 e dell’8.4%.

Potrebbe interessarti anche —-> Covid-19, Gori: “Questa volta eviteremo situazioni critiche, ecco perché” 

Sullo scenario tracciato si è pronunciato Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori: “Questi cali sono il frutto di una situazione drammatica a causa del Covid-19. Di fronte a tale situazione gli albergatori non hanno trovato altra soluzione che abbassare i prezzi per contenere le perdite”.

Ma è stato utile solo ad ammortizzare i veri danni: “Il vantaggio è andato ai consumatori, ma purtroppo il settore non ri è risollevato nonostante questi sconti e anche il bous vacanza decisamente sottoutilizzato. Serviva qualcosa di più impattante da parte della Istituzioni. Per esempio abbiamo proposto al Governo di abbattere l’Iva per 3 mesi per l’intero settore, ma non c’è stato nulla da fare”. 

Leggi anche —-> Covid, Crisanti attacca: “Vergogna assegnare G20 Salute a Lombardia”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui