Referendum, Liliana Segre: “Voterò No al taglio dei parlamentari”

Liliana Segre ha dichiarato che voterà no al taglio dei parlamentari, nonostante abbia affermato che esistono della valide ragioni anche per votare si. 

Getty Images

Liliana Segre voterà contro il taglio dei parlamentari, nonostante a suo parere esistono delle buone ragioni da entrambe le fazioni. La senatrice a vita ha dichiarato che alla fine mi sono orientata per il no soprattutto in coerenza con il mio atteggiamento generale verso il Parlamento. Sono entrata come si entra in un tempio perché il Parlamento è l’espressione più alta della democrazia. Quindi sentir parlare di questa istituzione che fa parte della mia religione civile come se tutto si riducesse a costi e poltrone, è qualcosa che proprio non mi appartiene”. Per quanto invece riguarda le tensioni politiche, sia all’interno della maggioranza che con l’opposizione, la donna si è detta sorpresa che in un momento storico del genere, non si riesca a trovare unità. 

Leggi anche: Giuseppe Conte da Ikea: scappa la battuta sui leghisti 

Segre: “Non parlerò più del mio passato”

Getty Images

Il comportamento dei cittadini durante il lockdown è stato invece a suo parere lodevole. Questo hanno infatti “dato una prova straordinaria; il nostro popolo ha dimostrato grande consapevolezza. Il confronto tra la compostezza e la dignità di questi milioni di italiani e certi toni sguaiati e strumentali di alcuni esponenti politici lascia sgomenti”. Infine, la Segre ha dichiarato che non riascerà più alcuna intervista riguardo il suo passato. La senatrice ha spiegato che “iniziare a raccontare e poi rievocare ancora e ancora quel passato. Da fuori forse si avverte solo la fatica di ripetere sempre la stessa vicenda, ma è altro, è un logoramento psichico difficile da spiegare. C’è una Liliana di oggi, che ogni volta ricordando i fatti guarda con pena infinita la Liliana di allora. Raggiunti ormai i 90 anni, devo rassegnarmi a rispettare i limiti della mia fragilità”.

Leggi anche: Mes, Di Maio: “Alimenta tensioni all’interno della maggioranza”