Roma, quattromila coccinelle per salvare i pini della Capitale

0
43

Le coccinelle salveranno i pini di Roma? Alcune associazioni di cittadini si mobilitano per difendere un capitale storico

Le coccinelle salveranno i pini di Roma (Pixabay)

Una task force animale, sotto forma di quattromila coccinelle, per salvare i mitici pini di Roma, quelli cantati da Antonello Venditti che “la vita non li spezza”. Sarà anche così, ma intanto in molti parchi della Capitale è scattato l’allarme perchè le piante sono minacciate dalla Toumeyella parvicornis.

Si tratta della cocciniglia tartaruga, insetto arrivato dal Nord America e ‘sbarcato’ in Italia dal 2018 prima in Campania e poi nel Lazio. Ha il potere di aggredire le foglie indebolendo anche gli alberi che sono diventati così più spogli, perdemndo la loro bellezza anche in stagioni come la primavera e l’estate che invece dovrebbero essere quelle del rigoglio.

In attesa che la Regione Lazio detti le linee guida e che il Comune di Roma passi all’azione, hanno cominciato le associazioni di cittadini. Così nelle ultime ore ben quattromila coccinelle sono state liberate per salvare i pini di Villa Leopardi. A lasciarle libere sono stati i volontari dell’associazione Amici di Villa Leopardi, guidati da Massimo Proietti Rocchi. Ieri, 16 settembre, hanno meso in libertà altre  200 coccinelle (arrivano a quattromila totali da luglio) di diverse specie che avranno lo scopo di aggredire gli insetti parassiti.

I mitici pini di Roma sono a rischio (Pixabay)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Febbre del Nilo in Italia, l’esperto: “Malattia grave, non scomparirà mai”

La cocciniglia attacca i pini, come riconoscerla e combatterla

In attesa di altri provvedimenti, gli Amici di Villa Leopardi hanno cominciato ad utilizzare un antidoto naturale contro la cocciniglia. Il Campidoglio per ora inbvece non ha ancora preso provvedimenti, anche se l’argomento è stato portato più volte all’attenzione dell’amministrazione. Ma prima che sia troppo tardi, meglio agire.

Le coccinelle aiutano a salvare l’ambiente (Pixabay)

Com’è possibile però capire se un pino o altra pianta è minacciato dalla Toumeyella parvicornis? Gli alberi colpiti dalla cocciniglia presentano una specie di melassa che, una volta caduta a terra, rende le superfici molto appiccicose. Una sostanza simile ma differente rispetto alla resina, che il pino rilascia in alcune condizioni, e si rimuove anche solo con l’acqua. Per noi è nulla, per le piante mortale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui