Roma, arrestato 35enne per atti osceni e corruzione di minorenne

Atti osceni davanti alla presenza di bambini. Questo è quanto accaduto a Roma, nel parco di Via Flaminia. 

atti osceni-min
Carabinieri (foto Pixabay)

Un uomo di 35 anni si è abbassato i pantaloni ed ha iniziato a masturbarsi davanti ai bambini. La vicenda ha avuto luogo nel parco per bambini di via Flaminia, a Roma.

L’uomo secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe avvicinato ai bambini compiendo davanti a questi atti osceni. Inoltre, l’uomo avrebbe pronunciato frasi incomprensibili davanti agli occhi dei genitori che hanno assistito alla scena.

I genitori hanno subito chiesto l’intervento della polizia. Una volta sul posto, le forze dell’ordine hanno subito tratto in arresto il 35 enne. L’uomo, al momento dell’arrivo della squadra di polizia del commissariato Villa Glori, diretto da Anna Galdieri, era ancora con i pantaloni calati al momento dell’arresto.

Potrebbe interessarti anche: Milano, disabile massacrato di botte: arrestati gli aggressori

Roma, arrestato 35enne per atti osceni e corruzione di minorenne

terni ragazzi
Carabinieri(Foto: Facebook)

La squadra mobile degli agenti di Polizia, dopo aver arrestato l’uomo ha raccolto le testimonianze delle persone presenti. Oltre a queste, le forze dell’ordine hanno effettuato foto e video per utilizzare questi come prova.

L’uomo è giunto nel parco poco prima delle 18 e nonostante la presenza di bambini ha iniziato ad abbassarsi i pantaloni e a masturbarsi.

Secondo le prime ricostruzioni del caso, l’uomo voleva attirare l’attenzione su di sé ripetendo frasi incomprensibili e spaventando i presenti.

Dopo aver raccolto i dati necessari per poter sporgere denuncia, gli agenti si sono allontanati dal parco e hanno condotto l’uomo in commissariato.

Una volta in commissariato, dalle indagini è emerso che il 35enne è già noto alle forze dell’ordine e che ha usato in precedenza diversi falsi nomi per non farsi riconoscere.

Potrebbe interessarti anche: Francesco, ragazzo transessuale a iNews24: “Morire perché ci si è innamorati è paradossale”