E’ morto John Najarian, il noto chirurgo padre dei trapianti: aveva 92 anni

0
43

E’ morto John Najarian, il noto chirurgo padre dei trapianti: aveva 92 anni. Famoso per aver curato molti bambini in situazioni disperate, si è spento in una clinica del Minnesota

Prof Najarian
E’ morto John Najarian, il noto chirurgo padre dei trapianti: aveva 92 anni (Foto: Facebook)

Una grave perdita per il mondo della medicina è stata comunicata questa mattina. Si è spento all’età di 92 anni il dottor John S. Najarian, un rivoluzionario chirurgo, considerato il padre dei trapianti. Era balzato alle cronache mondiali per aver curato casi difficilissimi che riguardavano molti bambini. Aveva dovuto anche superare delle pesanti accuse per un farmaco da lui proposto e poi rivelatosi non affidabile. Accuse che sono state poi ritirate con il passare degli anni, restituendogli la piena dignità. E’ morto lo scorso 31 agosto a Stillwater, vicino Minneapolis, nel Minnesota.

Suo figlio Peter ha confermato la sua scomparsa all’interno di un centro di cura nel quale era ricoverato ormai da diverso tempo.

Il dottor Najarian, che per molti anni è stato a capo del reparto di chirurgia presso l’ospedale dell’Università del Minnesota, era considerato il numero uno nel campo dei trapianti. Reclutato per sostituire il dottor Owen H. Wangensteen, un noto chirurgo del luogo, ha iniziato la sua carriera nel 1967 diventando ben presto un punto di riferimento per le operazioni relative a reni, fegato, pancreas e altri tipi di trapianti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Morto il padre di Bill Gates, William aveva 94 anni

E’ morto John Najarian, il noto chirurgo considerato il padre dei trapianti: aveva 92 anni

Trapianti
E’ morto John Najarian, il noto chirurgo padre dei trapianti: aveva 92 anni (Foto: Getty)

Secondo quanto riferito dal dottor Sayeed Ikramuddin, intervistato dal New York Times, Najarian era noto per “curare i casi difficili“. Secondo l’attuale presidente del dipartimento di chirurgia dell’università del Minnesota, in pochi avevano la sua sensibilità, certificata da numerosi trapianti, ad esempio ai reni con pazienti malati di diabete o altri in condizioni estremamente fragili che i dottori si rifiutavano di operare, perchè troppo rischioso.

Nel 1970, è entrato anche nella storia come il primo medico ad effettuare un trapianto di reni ad un bimbo di sole 6 settimane. Al contrario nel 1981 ha guidato un’équipe chirurgica che ha eseguito un trapianto di fegato su uno dei pazienti più anziani mai sottoposti all’operazione, un uomo di 64 anni.

Questi erano solo alcuni dei record detenuti da quello che tutti ricorderanno come il padre della chirurgia moderna.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> È morto all’età di 67 anni l’astrofisico Nicolò D’Amico

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui