Roghi negli Stati Uniti, il fumo arriva in Europa

I continui roghi che imperversano in questi giorni in molte zone degli Stati Uniti sono talmente potenti che il loro fumo è arrivato fino in Europa

roghi stati uniti
California (Getty Images)

Sono diverse settimane che in alcuni stati Usa si susseguono incendi che stanno mettendo in serio rischio l’ambiente, ma anche la salute delle persone: sono infatti 35 i morti di cui 24 in California e 11 in Oregon. Secondo quanto riferito dall’Ansa, i roghi sono talmente vasti e potenti che il loro fumo è riuscito a propagarsi fino in Europa.

Il servizio europeo Copernicus, il quale ha iniziato le osservazioni satellitari nel 2003, ha spiegato di non aver mai registrato dati di simile portata.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, Trump rilancia: “Vaccino possibile a partire da ottobre”

Roghi negli Stati Uniti, mai registrati dati simili: l’allarme di Copernicus

california incendi
Usa, continuano gli incendi (Getty Images)

L’attività di questi incendi viene definita senza precedenti e per gli esperti “decine di centinai di volte più intensa della media”.

Nell’atmosfera sono state rilasciate significative quantità di carbonio ed il fumo, molto denso, ha attraversato l’intero paese ed è sconfinato nell’Oceano Atlantico.

“Possiamo capire quanto questi incendi siano devastanti, sia come dimensioni che durati, dal fatto che emettono talmente tanto inquinamento nell’atmosfera da poter vedere un denso fumo a 8000 km di distanza”, questo quanto spiegato da Mark Parrington di Copernicus.

Il fumo che gli incendi stanno sprigionando, inoltre, ha reso San Francisco, Seattle e Portland tra le città con i peggiori valori sulla qualità dell’aria in tutto il mondo.

LEGGI ANCHE—> Libia, Al Sarraj annuncia: “Mi dimetto entro la fine di ottobre”