Addio al professor Renato Risaliti, docente universitario ed esperto della cultura russa

È morto all’età di 85 anni il professor Renato Risaliti. Noto docente universitario nonché scrittore ed esperto della cultura russa.

migliori università italiane
Università

È venuto a mancare il professor Renato Risaliti. Ex sindaco di Agliana e noto docente universitario, è scomparso all’età di 85 anni. Fu un uomo di grande spessore intellettuale e culturale nonché famoso storico italiano.

Nacque ad Agliana il 20 maggio 1935 e frequentò dal 1956 l’Università a Mosca, dove si laureò con il massimo dei voti. Fu uno dei primi a entrare a far parte del gruppo italiano di scambio culturale con l’Urss.

A inizio anni ’70 del secolo scorso, il professor Risaliti, iniziò la sua carriera da docente presso l’Università degli Studi di Firenze. In questa accademia insegnò storia dell’Europa Orientale, incentrando le sue lezioni sulla storia relativa alla Russia dei secoli XVIII e XIX.

Potrebbe interessarti anche: Salvini: “No al Mes, preferisco chiedere soldi a risparmiatori italiani”

Addio al professor Renato Risaliti, docente universitario ed esperto della cultura russa

coronavirus università
Università (Getty Images)

Risaliti, oltre che per la sua cultura viene ricordato anche per i suoi studi internazionali e per i suoi libri e saggi. Fu autore di numerosi libri fra cui il pionieristico volume “Antifascismo e Resistenza nel pistoiese”. Questo tomo venne pubblicato nel 1976 con l’editore Tellini.

La stesura e pubblicazione di questo libro ebbe il ruolo di apripista sulle indagini della Resistenza nel territorio di Pistoia. Lo stesso, inoltre, è stato un punto di riferimento per gli studi sulla sinistra marxista e il movimento sindacale nella provincia pistoiese.

Renato Risaliti, oltre al libro “Antifascismo e Resistenza nel pistoiese”, è ricordato per un altro testo: “Licio Gelli a carte scoperte”.

Politico, docente affermato e scrittore di spessore, Risaliti ha anche effettuato numerose ricerche sul Cln locale e sul periodo della Seconda Guerra Mondiale.

Riuscì a raccogliere alcune documentazioni e fonti di primaria importanza che si rivelarono fondamentali per gli studi storici di quel periodo.

Il professore inoltre ha fatto dono all’ISRPT (l’Istituto Storico della Resistenza) di alcuni documenti sugli helpers e altri fascicoli con le testimonianze dei partigiani di Pistoia.

Potrebbe interessarti anche: Sebino Nela e il tumore: “A giorni la mia quarta operazione”