Cartelle esattoriali, addio a milioni di debiti: sorridono i consumatori

0
2

Un maxi condono fiscale ha permesso a milioni di consumatori di dire addio alle cartelle esattoriali comprese tra il 2010 ed il 2019: i dettagli della vicenda

Un’ottima notizia si sta facendo largo tra milioni di consumatori italiani. Da oggi chi di loro ha debiti pregressi, non dovrà saldarli. Questo perché è stato deliberato un maxi condono fiscale che va ad annullare milioni di debiti ritenuti non riscuotibili a causa dell’intestazione a soggetti nullatenenti o impossibilitati a saldare le somme. Le cartelle esattoriali che verranno cancellate sono quelle che vanno dal 2010 al 2019.

Tutto ciò grazie alla delibera dell’ordinanza n. 28072/2019 che prevede la cancellazione delle cartelle esattoriali non pagate e riguardanti contenzioni fino a mille auto (tasse non pagate, bollo auto, more e multe).

LEGGI ANCHE—> Reddito di cittadinanza, ad agosto aumenta chi lo percepisce: +25%

Cartelle esattoriali, nessuna richiesta di annullamento: la cancellazione sarà automatica

Tasse
Tasse

L’obiettivo del governo è quello di intraprendere la pace fiscale, ma va chiarito che non subiscono cancellazioni multe e tasse ma i mancati pagamenti che hanno già portato a cartelle esattoriali. I cittadini non dovranno presentare richieste di annullamento in quanto la disposizione sarà applicata in automatico laddove possibile.

Il governo studia anche la riduzione delle tasse per il ceto medio prendendo spunto dal modello tedesco. Si parla di accorpamento delle aliquote Irpef centrali al 36% con scaglioni da 5 a 4. Pronta una rivoluzione anche per le Partite Iva che dovrebbero liberarsi del meccanismo di acconti e saldi grazie ad un sistema di cassa.

LEGGI ANCHE—> Bankitalia, nuovo record per il debito pubblico: rosso da 2.560 miliardi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui