Disavventura per l’attaccante granata: derubato della carta di credito

0
2

L’attaccante granata classe 1990 è stato vittima di una disavventura. Dei ladri hanno rubato la sua carta di credito per spendere 3mila euro in una pescheria locale.

L’attaccante della Salernitana, Milan Djuric, è stato protagonista di una disavventura alquanto curiosa. Il bomber granata, ha subìto il furto della carta di credito.

Sono tanti i giocatori che sono stati derubati nel corso della storia, ma a nessuno di questi era mai successo di essere derubato della carta di credito.

Il bomber bosniaco, che lo scorso anno in B ha realizzato 12 gol in 33 partite, ha vissuto nelle ultime ore momenti davvero concitati. Il centravanti classe 1990 ha subìto il furto della carta di credito.

Per sua fortuna la carta è stata bloccata in tempo prima che la cosa potesse arrecare danni grossi al giocatore. Infatti, nel lasso di tempo in cui il giocatore non si era ancora accorto della sparizione della carta, i ladri hanno speso ben 3mila euro da un pescivendolo.

Potrebbe interessarti anche: Calciomercato, Mandzukic ha detto sì: la sua prossima destinazione

Tre positivi in una pescheria di Gaeta

È successo a Gaeta, comune italiano sito in provincia di Latina noto per la montagna spaccata. Qui, nella cittadina laziale, si sono scoperti tre nuovi casi di positività al coronavirus.

Le nuove positività sono collegate all’azienda di pescato a Formia, il cui titolare nella giornata di ieri è risultato positivo al coronavirus. L’uomo è ricoverato all’ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma.

A dare la notizia attraverso una conferenza stampa il sindaco di Gaeta Cosimo Mitrano. Il primo cittadino ha spiegato che le tre persone contagiate sono dipendenti del reparto pescheria dell’azienda Comeilmare, che ha avuto contatti commerciali con la Purificato srl di Formia, chiusa lunedì.

Il sindaco, inoltre, ha sottolineato l’importanza di “dare informazioni precise”, soprattutto in situazioni riguardanti “imprenditori che hanno a che fare con varie categorie di cittadini”.

Infine il primo cittadino chiosa dicendo che a Formia verrà allestito un drive-in riservato unicamente a tutti coloro che saranno contattati dal Dipartimento di prevenzione della Asl per essere sottoposti a tampone.

Potrebbe interessarti anche: Francia, migliaia di pesci morti nel fiume: Nestlè denunciata per inquinamento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui