Scuola, Gori: “Nessuna criticità, qui siamo abituati a far bene le cose”

Il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, ha descritto ai microfoni di AdnKronos quello che è stato il primo giorno di scuola post Covid-19 nella città lombarda

coronavirus gori

Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, ha parlato ai microfoni di AdnKronos del primo giorno di scuola nella città lombarda che è stato vissuto “senza particolari criticità”. Le disposizioni anti Covid-19 sono state quindi una garanzia, almeno per l’esordio.

“Qui da noi siamo abituati a far bene le cose ed anche in quest’occasione l’abbiamo dimostrato. L’ufficio scolastico provinciale ha lavorato tutta l’estate, compreso il Ferragosto, per sistemare tutti i fattori in vista dell’inizio. Il Comune si è fatto in quattro ed abbiamo fatto molti interventi per evitare di ricorrere a spazi esterni. Il personale ha fatto il resto con rivoluzione di orari e sedi”.

LEGGI ANCHE—> Morta Elisa Tonda, responsabile Esteri di Mediaset: “Una persona buona”

Scuola, Azzolina annuncia: “Entro il 24 settembre precari in cattedra, le graduatorie sono pronte”

azzolina attacca

Lucia Azzolina, ministro della Scuola, ha parlato su La7 della questione riguardante i precari: “Anche io venivo nominata sempre all’ultimo ed entravo tardi nelle mie classi. Stavolta abbiamo tentato di velocizzare con la digitalizzazione la chiamata dei supplenti. Per il 24 tutti gli insegnanti precari saranno in classe, ora le graduatorie sono pronte. Voglio anch’io siano in classe dal primo giorno”.

Intanto nel primo giorno di scuola per la maggior parte delle regioni italiane, non si sono riscontrate particolari criticità. Questa può essere inquadrata come una prima vittoria da parte del governo che in questi mesi, nonostante le critiche, ha lavorato per assicurare un ritorno alla normalità, per quanto possibile, da parte di studenti, insegnanti e personale.

LEGGI ANCHE—> Unicredit in tilt, enormi disservizi: impossibile anche ritirare contanti