Scuola, che fine fanno i vecchi banchi? Ammassati a decine nei cortili degli istituti

0
1

Ripartono le scuole dopo il più lungo lockdown della storia d’Italia, i vecchi banchi vengono smaltiti negli istituti di tutto il Paese. Ecco come.

banchi dismessi a bologna
Fonte: Facebook Michele Lapini

Decine di foto stanno spopolando sui social network per il primo giorno di scuola dopo la quarantena e il lockdown causato dalla pandemia da Coronavirus. I vecchi banchi a due posti sono stati sostituiti quasi in tutti gli istituti dai nuovi banchi monoposto per rispettare la distanza di un metro tra le rime boccali degli alunni. Ma che fine hanno fatto?

Abbandonati nei cortili delle scuole, gettati in discarica o donati alle associazioni di volontariato. Il destino degli storici banchi di scuola è diverso a seconda della città. A Bologna, il fotografo Michele Lapini denuncia con una foto su Facebook il destino degli appoggi degli istituti cittadini: “La stessa burocrazia che forse ha esagerato nella gestione degli arredi, buttando via materiale che poteva essere riutilizzato o regalato. Siamo sicuri che il futuro della scuola sia una discarica di banchi monoposto per far posto a banchi monoposto?”.

Anche l’ex-ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti ha condiviso su Facebook un post dubbioso sulla necessità di cambiare radicalmente gli arredi scolastici: “I banchi erano davvero l’emergenza? Quelli nuovi non arrivano, mentre tante scuole stanno buttando e ammassando in discariche di fortuna gli arredi usati. E intanto molti insegnanti scrivono agli studenti di venire senza libri, perché ci saranno solo le sedie”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Banchi monoposto per il rientro a scuola, i presidi chiedono le date di consegna

Banchi monoposto arrivati nelle scuole

In Friuli Venezia Giulia è diventata virale un’immagine della  zona del deposito comunale di Pasian Di Prato, con decine di banchi ammassati gli uni sugli altri. In questo caso, però, è arrivata la precisazione del sindaco Andrea Pozzo, che sul social network ha reso noto come quegli arredi risalgano agli anni Ottanta e come soltanto quelli in cattive condizioni saranno smaltiti in discarica per far posto ai banchi monoposto. Gli appoggi in condizioni migliori saranno invece donati alle associazioni e alle parrocchie che ne faranno richiesta al Comune.

Nella città di Genova, infine, il Municipio VII ha deciso che i banchi rimossi dalle scuole non saranno gettati in discarica. Saranno invece donati al campo profughi di Mayo in Sudan attraverso l’associazione Music For Peace.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui