Covid-19, Francia adotta regole restrittive anche a Marsiglia

Covid-19 Francia ha ufficializzato nuove misure per contenere la malattia originaria di Wuhan, con un protocollo nuovo anche nella popolosa città di Marsiglia. 

 Francia (Getty Images)

In Francia il Covid-19 è in espansione e continua a destare non pochi problemi. Per il momento non ci sono gli estremi  per temere un nuovo ed imminente lockdown, ma la situazione è critica e sta preoccupando parecchio. Negli scorsi giorni erano stati individuati dei potenziali focolai, 42 “zone rosse” che dovevano essere tenute assolutamente sotto controllo. Tali misure erano tese ad un controllo superiore di alcune aree ben individuate sul suolo francese, per impedire che la malattia continui a diffondersi. Ora, però, pochissime ore dopo, già un’altra città è diventata motivo di preoccupazione e situazione molto delicata, da trattare con fermezza ed attenzione. Parliamo dell’importante Marsiglia, una metropoli importantissima che è popolata da decine di migliaia di persone.

LEGGI ANCHE —> Covid-19, Francia prende nuove misure: 42 quartieri “rossi”

Covid-19, Francia adotta regole restrittive anche a Marsiglia

Il governo francese ha preso delle nuove misure di controllo per prevenire la formazione di focolai su Marsiglia. La città sta dando qualche grattacapo di troppo e si è quindi proceduto con la limitazione parziale di alcune attività umane, con lo scopo, come sempre, di limitare la diffusione del Covid-19. In particolare sono stati messi dei divieti a tutta la popolazione. Di seguito l’elenco completo di cosa non fare a Marsiglia.

LEGGI ANCHE —> Scuola, che fine fanno i vecchi banchi? Ammassati a decine nei cortili degli istituti

  • Divieto di qualsiasi riunione che preveda più di 10 persone, sia sui giardini che sulle spiagge.
  • Vietate le visite nelle case di cura per anziani e non solo.
  • Il limite massimo per eventi e spettacoli è fissato a 1000 persone.
  • Vietate gite scolastiche.
  • Vietate feste per studenti e laureati.
  • Vietato il consumo e la vendita di alcool per le strade dopo le 20 di sera.