Usa, incendi continuano a colpire la costa Ovest: migliaia di sfollati

Continua lo stato d’emergenza negli Usa, con gli incendi che stanno devastando la Costa Ovest. Migliaia di famiglie sfollate per motivi di sicurezza.

Usa incendi
La cappa di fumo che ricopre Seattle (Getty Images)

E’ ancora emergenza negli Usa, con i continui incendi sulla costa occidentale che non si fermano, anzi i roghi sembrano aumentare negli ultimi giorni. Sempre di più le città colpite, dagli incendi che stanno dilaniando Portland, in Oregon, fino ad arrivare a Seattle, nello stato del Washington ed infine l’intera California, forse lo stato più famoso per l’emeregenza incendi.

Ma gli incendi non stanno solamente facendo andare a fuoco milioni di acri (circa 5 al momento), ma stanno anche mietendo vittime su tutta la costa Ovest. Stando ai report nazionali, infatti, il conteggio delle vittime sarebbe salito a 20 unità. Intere città ridotte in cenere in Oregon, California e Washington, per uno scenario che appare apocalittico.

Nella contea di Jackson è stato arrestato un uomo con l’accusa di aver appiccato un incendio, ma i focolai sono tantissimi. Fa quasi paura vedere città come Seattle e San Francisco avvolte nel fumo dei roghi, con i propri cittadini che affermano: “Alle 10 di mattina è già sera“. Una situazione insostenibile, specialmente per l’aria difficile da respirare.

LEGGI ANCHE -> Usa, brucia la Costa Occidentale: “500mila evacuati in Oregon”

Usa, incendi sulla Costa Ovest: il tweet di Trump ai Vigili del Fuoco

Usa incendi
Strade chiuse a causa degli incendi (Getty Images)

A causa degli incendi, inoltre, ben 500mila persone sono state sfollate in Oregon per motivi di sicurezza. Una situazione come detto insostenibile, con i Vigili del Fuoco che da ore stanno lavorando per spegnere gli incendi.

Nella giornata di ieri è arrivato anche il tweet di Donald Trump, che afferma: “Grazie ai 28.000 ed oltre pompieri e primi soccorritori che stanno combattendo contro gli incendi in California, Oregon e Washington. Sono queste le prime parole di Trump sull’emergenza incendi, visto che il tycoon non si era mai pronunciato sulla situazione che sta vivendo la costa occidentale.

Per accellerare il processo di spegnimento dei roghi, il governatore della California, Gavin Newsome ha approvato una legge che facilita il rilascio dei detenuti che hanno prestato servizio nel corpo dei Vigili del Fuoco.

Mentre invece l’FBI ha lanciato una campagna per fermare la disinfromazione sui social, specialmente per quelle notizie attribuite ad Antifa. Secondo la Federal Bureau of Investigation, infatti, tali tweet ruberebbero tempo prezioso e risorse ai Vigili del Fuoco impegnati a spegnere le fiamme. Il Bureau infatti ha affermato che la notizia riguardante un gruppo di estremisti che sta appiccando gli incendi sarebbe falsa.

L.P.

Per altre notizie di Cronaca Estera, CLICCA QUI !