Funerale Willy, il premier Conte: “Ci aspettiamo condanne severe”

0
42

Presente anche il premier Conte ai funerali del giovane Willy. Il Presidente del Consiglio ha confortato la famiglia e ha dichiarato di aspettarsi condanne severe. 

Era presente anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ai funerali del giovane Willy, il ventunenne ucciso mentre cercava di fermare una rissa. Un dramma che ha sconvolto un intero paese, e che si fa fatica ancora ad accettare. Ucciso in modo barbaro mentre cercava semplicemente di difendere un suo amico. Ed è per questo che il premier ci ha tenuto al termine dei funerali, a comunicare la famiglia che l’Italia è con loro e condivide questa indicibile sofferenza. Conte ha dichiarato che “ovviamente ci aspettiamo condanne severe e certe. Ci aspettiamo anche una certa e rigorosa esecuzione della pena. Abbiamo seguito tutti questa vicenda di efferata violenza. Non possiamo minimizzarla né sottovalutarla. Non possiamo degradarla a singolo episodio. Dobbiamo guardarci in faccia e capire che ci sono alcune frange, alcune sacche sociali che coltivano la mitologia della violenza”. Ai funerali era presenta anche il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. Centinaia di persone a sostegno della famiglia che indossavano una maglietta bianca con scritto “Ciao Willy”. 

Leggi anche: Milano, esplosione in un appartamento: sei i feriti

Funerali Willy, il discorso del vescovo

Twitter

Intenso e sofferto anche il discorso del vescovo che ha celebrato le esequie. Nel suo discorso monsignor Mauro Parmegiani ha dichiarato che “Willy si è sacrificato sulla croce come un giovane Cristo. Per amore dell’amicizia che deve essere d’esempio per chi vede come vita il culto della forza, della violenza. Aveva passione per lo sport ma senza fanatismi, nel rispetto per gli altri e nell’impegno per loro che, lungi da quegli atteggiamenti di indifferenza che spesso chi si dice adulto assume, ha portato Willy nella notte tra sabato e domenica scorsa a intervenire a favore di un amico per sedare una lite e perdere la vita in quella forma grande che Gesù ci ha insegnato nel Vangelo: ‘non c’è amore più grande di questo, dare la vita per gli amici”.

Leggi anche: Bari, uccide compagno della ex e ferisce lei e il padre

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui