Matera, due minorenni inglesi denunciano stupro: indagini in corso

Matera, due ragazze inglesi chre erano in vacanza in Italia hanno denunciato di essere state stuprate dopo una festa. Stretto riserbo della Questura

Polizia Napoli
Matera, presunto stupro: indaga la Polizia (archivio Getty Images)

Una festa che doveva chiudere le loro vacanze in Italia prima di tornare a casa. Ma due ragazzine inglesi, minorenni, hanno denunciato che quel party per loro è diventato un incubo. Sarebbero state picchiate e violentate da un branco, anche se sulla vicenxza la Questura fino ad oggi ha voluto mantenere un riserbo stretto.

I fatti sarebbero accaduti nella notte tra il il 7 e l’8 settembre. Una festa privata a Marconia di Pisticci, paesino tranquillo con meno di 10mila anime. Una delle ragazze ha parenti da quelle parti e insieme all’amica ha deciso di celebrare la fine delle vacanze partecipando. Invece alcuni ragazzi prima le avrebbero picchiate e poi violentate. Una volta tornate a casa, hanno chiamato il 118 e sarebbero ancora ricoverate all’ospedale “Madonna delle Grazie” di Matera come scrive ‘La Gazzetta del Mezzogiorno’.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Milano, violenza al Monte Stella: individuato il presunto colpevole di stupro

Presunto stupro a Matera: la Questura indaga e intanto il sindaco di Pisticci invita a testimoniare

Un caso sul quale caso indagano gli agenti del commissariato di polizia di Pisticci e della Questura di Matera coordinati dalla locale Procura. I poliziotti stanno cercando riscontri dopo la denuncia e avrebbero anche già interrogato alcune persone, non è chiaro se soltanto come testimoni. Al momento non trapela nulla di più in attesa di comunicazioni ufficiali da parte della Procura.

Matera, stupro su due minorenni inglesi (archivio Pixabay)

Intanto Viviana Verri, sindaco di Pisticci, con un lungo post sulla pagina Facebook del Comune, ha invitato chi sa qualcosa a farsi avanti: “Questo è il momento in cui deve emergere forte lo spirito della nostra comunità, una comunità sana che non può e non dovrà mai abituarsi a simili episodi e per questo non può permettersi di tacere chi è in grado di aiutare gli inquirenti a mettere fine a questa vicenda”.