Coronavirus, stop al vaccino. Un volontario ad Inews24: “Sperimentazione ancora in corso”

0
3


Dopo lo stop alla sperimentazione del vaccino per il Coronavirus sviluppato da Astrazeneca e dell’Università di Oxford, parla uno dei volontari ai microfoni di Inewes24: “Nessuno ci ha comunicato la sospensione, per me il test è ancora in atto”.

Come ha presto parte alla sperimentazione?

Ho dato l’adesione sul sito internet e lasciato i miei dati, poi sono stato contattato da un’infermiera a cui ho comunicato altri dati più specifici. Mi ha spiegato il trial e mi ha invitato a fare la prima visita, durante la quale ho dato il mio consenso informato. La visita medica generale si è conclusa con un prelievo di sangue necessario a verificare che non avessi ancora sviluppato anticorpi per il Covid19. Una settimana dopo mi hanno richiamato e mi hanno inoculato il vaccino. Il discorso però è che si tratta di un trial a doppio cieco, quindi metà dei pazienti è stata inoculata col vaccino per il Coronavirus e all’altra metà è stato iniettato soltanto un placebo (il vaccino anti-meningite). Io non so cosa mi hanno fatto.

Le è stato comunicato lo stop alla sperimentazione dovuto agli effetti collaterali manifestati da un paziente?

Non mi è stato comunicato nulla, io credo che la parte che riguarda la mia sperimentazione non sia stata fermata e sia ancora in atto. Io sono stato invitato a fine settembre a fare il richiamo del vaccino e per ora non mi hanno annullato l’incontro.

A quali controlli è sottoposto per monitorare l’andamento della sperimentazione?

Io faccio un tampone naso-faringeo a settimana, ogni mese invece faccio una visita medica con il prelievo di sangue per verificare la presenza di anticorpi.

Non ha paura che si possano manifestare effetti collaterali?

Io non ho paura, queste sperimentazioni sono molto sicure. Il rischio zero non esiste come in ogni sperimentazione, però si tratta di un rischio calcolato perché la tecnologia è molto avanzata. Inoltre, ci sono tantissimi controlli. Il fatto che è stato trovato un effetto collaterale mi rincuora che le verifiche sono molto rigorose.

antonio metastasio

Lei ha avuto qualche effetto collaterale?

No, nessuno. Ho fatto l’iniezione e non ho avuto nemmeno il dolore al braccio che mi viene di solito quando faccio il vaccino anti-influenzale.

Lei perché ha scelto di partecipare alla sperimentazione?

Per due motivi. Il primo è che sono un medico, quindi sono più esposto al contatto con il virus. Il secondo, perché ho sentito l’obbligo di dare un contributo essendo un candidato idoneo e per dare una risposta ai detrattori dei vaccini. Essendo un medico, devo mostrare in prima persona di essere pronto a vaccinarmi e dimostrare di essere disposto a partecipare a queste sperimentazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui