Fortnite rimosso dagli store di Apple e Google, la reazione di Epic Games

Apple e Google hanno deciso di rimuovere Fortnite dai loro store causando perdite a Epic Games di centinaia di milioni di dollari. L’azienda si è rivolta adesso a un giudice chiedendo il reintegro forzato del videogioco. 

Getty Images

Continua la battaglia legale che vede coinvolta la Epic Games contro Apple e Google. E le prime conseguenze di questo scontro non sono tardate ad arrivare. Fortnite, uno dei giochi di ruolo più famosi al mondo e prodotto di punta della casa di sviluppo videogiochi, è stato rimosso sia dall’Apple Store che dal Play Store. Un atto che danneggia inevitabilmente l’azienda considerato che questi rappresentano al momento il mercato principale per dispositivi iOS e Android. D’altronde, stando ai numeri forniti dalla Epic Games, Fortnite vanta al suo attivo 350 milioni di persone registrate, con 116 milioni di queste che utilizzano il gioco attraverso un dispositivo iOS. 

Leggi anche: Marvel’s Avengers è ora disponibile: tutte le novità della patch 12.9

Epic Games ha presentato ingiunzione contro decisione di Apple e Google

Getty Images

E sembra che la rimozione del videogioco dallo store di Apple abbia già portato circa il 60 per cento degli utenti iOS ad abbandonare il gioco.  Fortnite si è dunque ritrovata in pochissimo tempo con settanta milioni di giocatori in meno. Una perdita di centinaia di milioni di dollari destinata a mettere in forte difficoltà la Epic Games. La risposta dell’azienda del North Carolina non si è naturalmente fatta attendere. I legali di Epic Games hanno presentato un’ingiunzione preliminare chiedendo al giudice di reintegrare Fornite negli store Apple e Google. Una misura che oltretutto vorrebbero fosse applicata ancora prima che si tenga la prima udienza del processo. 

Leggi anche: eMule, aggiornamento a 10 anni dall’ultima volta: tutte le novità