Arezzo, sesso in cambio di droga: la rivelazione della ragazza

Sesso in cambio di droga ad Arezzo. Grazie alla ricostruzione fatta da una ragazza sono stati arrestati due pusher. 

È successo ad Arezzo, in Toscana. Dopo la storia che ha fatto scalpore nei giorni scorsi, quella dei festini di Bologna con una minorenne coinvolta, adesso è il turno della cittadina aretina.

Sesso in cambio di cocaina. Un ricatto abituale nel mondo della “vendita di stupefacenti”, ma nella città di Arezzo prima di questa volta non se n’era mai sentito parlare.

Si è riusciti a venire a capo di questo ricatto grazie allo sfogo fatto da una ragazza “tossicodipendente” al corpo dei carabinieri locali. La quale con una ricostruzione minuziosa è riuscita a contribuire all’arresto del pusher.

Potrebbe interessarti anche: “Suicidato per mancanza di sesso”, mamma fa arrestare la nuora

Arezzo, sesso in cambio di droga: la rivelazione della ragazza

Roma camorra ndrangheta
Droga (via WebSource)

La ragazza tossicodipendente di 30 anni, era finita nelle grinfie di due pusher: entrambi di nazionalità albanese. Il primo dei due operava nella zona di viale Santa Margherita.

Il 35enne albanese oltre che a vendere e dunque accontentare i “bisogni” della tossicodipendente pretendeva che questa soddisfacesse le sue voglie.

Come ha affermato la ragazza, lei non ha mai pagato la droga. Ai carabinieri la 30enne ha detto che gli bastava di concedergli sesso un po’ ovunque, anche per strada quando capitava.

Il pusher riceveva gli ordini per telefono e consegnava in bicicletta, nei centri commerciali, nei parcheggi, ma alla fine però ha attirato le attenzioni dei carabinieri dei nucleo investigativo del reparto operativo provinciale.

L’altro pusher finito in manette è anche lui albanese, 34 anni. Questi aveva scelto invece di “vendere la sua roba” in via Ceciliano e via Romana come i suoi terreni di conquista.

Si era motorizzato ed era in auto che effettuava la consegne, sempre ordinate per telefono, in modo da minimizzare i rischi dello spaccio di strada.

Tra i loro clienti c’erano 10 mila persone, tra cui minorenni di 15 anni. Al momento i due, grazie alla ricostruzione fatta dalla ragazza sono in carcere.

Potrebbe interessarti anche: Torino, nasconde 10kg di droga nella libreria: arrestato commerciante