Vaccino Coronavirus, Sanofi: “Costo? Meno di 10 euro a dose”

Continua la ricerca a una cura per il Coronavirus. Diverse aziende stanno lavorando al loro vaccino: “Costerà sicuramente meno di 10 euro a dose”

vaccino coronavirus
Continuano i lavori per trovare il vaccino anti Coronavirus (Getty Images)

Il Coronavirus continua a far registrare dati preoccupanti. A seguito di un importante aumento del numero dei tamponi, anche i casi stanno crescendo in maniera esponenziale. L’unica soluzione, al momento, pare essere il vaccino. Decine di aziende in tutto il mondo stanno continuando a lavorare per trovare una cura definitiva al Covid.

Tra queste, ci sono i laboratori Sanofi e Gsk. Olivier Bogillot, il presidente dell’azienda, ha parlato ai microfoni di France Inter. Come riportato dall’Ansa, l’esperto ha spiegato come il futuro vaccino: “Non costerà più di 10 euro a dose“. Una buona notizia, che segue a quella data poco fa dal concorrente anglo-svedese AstraZeneca, che parlava di vaccini a 2,50 euro a dose.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, l’accusa alla Grecia: “Nasconde i casi per non perdere i turisti”

Coronavirus, si lavora al vaccino: “Europei e americani lo avranno in contemporanea”

coronavirus vaccino
Dovrebbe costare meno di 10 euro a dose (Getty Images)

Come riportato dall’Ansa, ci sono importanti novità per quanto riguarda il vaccino anti Coronavirus. Tra le tante aziende che ci stanno lavorando, c’è anche la francese Sanofi e Gsk. Il presidente Olivier Bogillot ha dichiarato che: “Non possiamo ancora dire che è del tutto definito, ma siamo a buon punto“. La speranza è che per il 2021 si possa finalmente avere una cura definitiva per la pandemia che, dall’inizio dell’anno, ha completamente rivoluzionato la vita di tutti.

Uno degli argomenti principali di discussione riguarda la possibilità che i pazienti americani ricevano il vaccino prima degli europei. Anche in questo caso, è stato Bogillot stesso a smentire tutto. “Francesi ed europei avranno la cura in contemporanea con gli americani” ha spiegato a France Inter: “Abbiamo firmato la stessa settimana con tutti: ci saranno 100 milioni di dosi per gli Usa, 300 milioni per l’Europa e 60 per la Gran Bretagna“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid-19, l’annuncio di Sileri: “Casi in aumento ma situazione non critica”