Scuola, la strategia del Governo: test rapidi in caso di positività

A pochi giorni dal rientro a scuola il Governo studia una strategia. Saranno svolti test rapidi in caso di positività di uno studente.

scuola Governo
I dubbi da risolvere sul nuovo anno scolastico (Getty Images)

Mancano solamente dieci giorni al rientro a Scuola, ed il Governo studia una strategia in extremis in caso di positività di uno studente. Il nuovo anno scolastico sarà accompagnato da tantissimi dubbi ed incertezze, dai nuovi banchi al numero di mascherine, fino ad arrivare al come comportarsi in caso di positività.

Così nelle ultime ore, il Governo ha studiato una nuova strategia in caso di positività. Infatti, per evitare i giorni di quarantena, in caso di studente contagiato dal virus saranno effettuati test rapidi per tutta la classe.

Secondo le ultime indiscrezioni, la fase di monitoraggio è ancora in corso, ma i risultati sono incoraggianti con il Ministro Speranza che dovrebbe dare il via libera entro la fine del mese. Il Ministro della Salute, inoltre, ha affermato che nei prossimi giorni ci sarà un confronto con alcuni ministri Ue, sull’efficacia dei test rapidi.

Scuola, nuova strategia del Governo: sperimentati nuovi tipi di tamponi

Scuola Governo
Il Ministro studia nuovi test rapidi (Foto: Facebook)

In vista dell’imminente avvio del nuovo anno scolastico, l’Italia sta testando i nuovi tamponi rapidi. Una soluzione più che gradita, specialmente nel caso che si verificasse la positività di uno studente. Questa nuova tipologia di test individua la presenza del Covid attraverso alcune proteine virali (antigene). L’utilizzo di questi nuovi tamponi è partito dalla scorsa settimana in porti ed aeroporti.

I risultati della sperimentazione di questi nuovi tamponi sono stati ottimi, con il Ministero che ha mostrato tutta la sua soddisfazione. Infatti, con questi test rapidi non ci sarà bisogno di apparecchiature di laboratorio. Una strategia che ha soddisfatto sia la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che il Ministro Speranza. Proprio in merito ai test rapidi, Speranza ha dichiarato che tutto ciò è solamente un pezzo della stategia di autunno.

Uno screening di docenti, personale e studenti sarebbe molto più rapido con i nuovi test. Evitando la quarantena, inoltre, non sarà intaccato il lavoro di tanti genitori, ma soprattutto non sarà penalizzata una classe intera. Inoltre solamente in caso di positività del test rapido si passerà al tampone tradizionale.

L.P.

Per altre notizie di Cronaca, CLICCA QUI !