Facebook contro fake news, il social network limita i messaggi

Facebook contro le fake news, la piattaforma social di Mark Zuckerberg subirà ora delle importanti modifiche per cercare di limitare la proliferazione di contenuti pericolosi.

Facebook
Facebook (Foto: Getty)

Ogni giorno il cittadino comune deve e vuole informarsi. Farlo però è terribilmente difficile e non sempre facile come cliccare un link o fare una ricerca su Google. Sempre più spesso, infatti, le persone si informano usando i social network come Facebook per aggiornarsi sulle ultime. Link e notizie vengono condivisi ogni secondo, causando un continuo scambio di informazioni e di dati attraverso la piattaforma con la grande F blu. Uno dei risultati di questa continua proliferazioni di informazioni e di link è la nascita e la diffusione a livelli inverosimili di fake news. Notizie false che vengono prodotte per diversi motivi. Qualcuno che vuole scherzare, partiti politici per influenzare l’elettorato, operatori di mercato per sfruttare la situazione. Insomma, una vera e propria piaga di questo secolo, che difficilmente potrà essere contrastata in modo importante se i singoli internauti non imparano a riconoscerle dalle notizie vere e fondate.

LEGGI ANCHE —> Incidente sull’A14 tra Fano e Pesaro, morti due anziani coniugi

Facebook contro fake news, il social network limita i messaggi

Facebook intanto ha cominciato a fare un piccolo passo per lottare contro le fake news. Il social, si legge in una nota ufficiale, ha deciso ora di limitare il numero di messaggi che si possono mandare contemporaneamente. Ora un singolo link può essere mandato su Messenger al massimo a cinque persone o contatti alla volta, non di più. Con questo escamotage la piattaforma mira a “rallentare il circolo di fake news e di link pericolosi”. In questo modo servirà molto più tempo per “spammare” una notizia a diverse persone e per questo si darà più tempo agli esperti di verificare e ovviamente anche di smentire la fake news che sta girando. Non è di certo la risposta perfetta per combattere le fake news, ma è senza dubbio un passo in avanti alla creazione di ambienti più controllati.

LEGGI ANCHE—> Duengue, focolaio a Vicenza: nove casi a Montecchio Maggiore