Barbara Berlusconi: “Quanto accaduto è disumano”

Barbara Berlusconi, figlia dell’ex premier risultato positivo al Covid-19 qualche giorno fa, ha parlato della situazione del padre ma non solo

Barbara Berlusconi

Due giorni fa è arrivata la notizia della positività al Covid-19 da parte di Silvio Berlusconi. Inizialmente l’ex premier e leader di Forza Italia era stato considerato come asintomatico, però poi le sue condizioni sono lievemente peggiorate. Come dichiarato dal suo medico Alberto Zangrillo, già noto per le sue continue uscite pubbliche sul coronavirus, l’84enne ha sviluppato una polmonite bilaterale che lo ha portato a dover essere ricoverato (all’ospedale San Raffaele di Milano).

Al momento, comunque, le sue condizioni non destano particolari preoccupazioni. Lui stesso ha spiegato che, pur non sottovalutando la malattia, sente di stare abbastanza bene. A dispetto da quanto vociferato nelle ultime ore, Silvio Berlusconi non sarebbe intubato.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, ansia per Silvio Berlusconi: l’ultimo bollettino

Barbara Berlusconi: “Non sono stata io a contagiare mio padre”

Berlusconi Covid

C’è di più in questa vicenda, perché anche i figli Luigi e Barbara sono risultati positivi. Proprio quest’ultima ha rilasciato un’intervista ai microfoni del Corriere.it in merito alla situazione. La donna inizia con un’amara critica ai media: “Nei giorni di grande angoscia per la salute di mio padre, mi sono trovata su tutti i media come l’untrice ufficiale della persona a cui voglio più bene. Questo è davvero disumano. Inoltre, vorrei capire su quali basi vengo con certezza indicata come responsabile”. Poi precisa che i tempi ed i ripetuti tamponi del padre dimostrano il contrario.

“A seguito di 3 tamponi ed un test sierologico negativi, è molto improbabile che mio padre abbia preso da me il virus. Lui è risultato positivo diverso tempo dopo ed ultimamente il periodo di incubazione è diminuito”. Poi conclude: “L’Italia è in crisi, ha ancora bisogno di lui”.

LEGGI ANCHE—> Berlusconi e il Covid: “Sto abbastanza bene, mai sottovalutata la malattia”