Mario Paciolla, nuova ipotesi sulla morte: fuga di notizie su un bombardamento

0

Marcio Paciolla potrebbe essere stato ucciso a causa di un dossier trapelato alla stampa in Colombia sulla morte di sette ragazzi a seguito di un bombardamento.

mario paciolla

Lo scandalo causato dalla fuga di notizie ha condotto alle dimissioni di un ministro. Il cooperante dell’Onu aveva partecipato alla realizzazione delle indagini. Mario era stato trovato impiccato nella sua casa in Colombia lo scorso 15 luglio.

Il report suggeriva che il bombardamento contro le Farc effettuato dall’esercito colombiano su un accampamento dei ribelli aveva portato alla morte di adolescenti del tutto innocenti.

L’inchiesta dei giornalisti colombiani smaschera la messa in scena del suicidio del ragazzo proveniente da Napoli. Sono indagati dalla polizia sud-americana anche i quattro agenti che hanno effettuato la perquisizione nel suo appartamento, da cui sarebbero spariti effetti personali e che sarebbe stato lavato con la varechina per eliminare ogni indizio.

La tesi del suicidio è stata sempre rigettata dalla famiglia di Mario Paciolla, alla mamma il giovane aveva raccontato di essersi messo in guaio a causa dei suoi colleghi e di voler ritornare in Italia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Colombia, collaboratore Onu napoletano trovato morto: Lo hanno ucciso

Le indagini sulla morte di Mario Paciolla

Anche le Nazioni Unite hanno aperto un’indagine interna sulla morte del cooperante, il sospetto è che alcuni membri dell’organizzazione in Colombia abbiano fatto trapelare ai media il dossier riservato per causare le dimissioni del il ministro della Difesa Guillermo Botero. Stanno indagando sulla sua morte anche la Procura di Roma e le autorità colombiane.

Mario Paciolla si era trasferito in Colombia due anni fa per prendere parte a una missione dell’Onu volta a rinsaldare l’accordo di pace tra le Farc e il governo colombiano firmato nel 2016. Aveva più volte denunciato di temere di aver subito un attacco hacker e aveva fatto sparire da Internet ogni sua traccia online. Alla sua famiglia aveva confessato di essere stato manipolato per fini deprecabili.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui