Torino, arrestato cittadino della Guinea: aveva rubato 2 imbarcazioni

A Torino un cittadino della Guinea è stato arrestato per aver rubato due imbarcazioni. Un carabinieri fuori servizio ha assistito alla scena e lo ha seguito. 

I Carabinieri di Torino hanno riferito che una persona, che risulta essere cittadino della Guinea, ha rubato due imbarcazioni che si trovavano ormeggiate nel molo della Società Canottieri Armida.

Da quanto si apprende, l’uomo le ha in un primo momento legate e successivamente è salito a bordo di uno di esse dirigendosi verso il fiume Po. Fortunatamente, una carabiniere forestale che in quel momento si trovava fuori servizio, ha assistito alla scena e ha deciso di seguire l’uomo salendo su un’altra imbarcazione. In seguito lo ha raggiunto e bloccato. Dopo averlo portato sulla terraferma, ha avvisato il 112 richiedendo l’intervento dell’Arma dei Carabinieri. 

Leggi anche: Udine, donna cade vicino ad un ospedale: soccorsa dopo 20 minuti

Massa, sorelle morte in campeggio: emessi due avvisi di garanzia

Continua l’inchiesta sulla morte di Malak e Jannat Lassiri, due sorelle marocchine decedute nel campeggio di Massa a causa di un albero che è caduto sulla loro tenda. Gli inquirenti stanno cercando di comprendere se si sia trattato di una tragico incidente non prevedibile. I due proprietari del camping in cui si erano recate le due sorelle sono stati iscritti nel registro degli indagati. Gli avvisi di garanzia sono stati eseguiti dopo l’ispezione portata a termine dall’agronomo che era stato incaricato del sopralluogo dalla Procura di Massa.

Il padre delle due sorelle chiede alla Procura di fare giustizia

Resta ancora da verificare se il crollo del pioppo sia stato causato dal forte vento o se l’albero si trovasse già in condizioni critiche. Nella giornata di domani la Procura ha disposto l’autopsia sui corpi delle due sorelle. Il padre delle due ragazza ha chiesto alla Procura di fare giustizia e stabilire la verità su questo terribile dramma. A suo parere quell’albero era già marcio e dunque esistono delle responsabilità dirette che hanno portato alla sua caduta.

Leggi anche: Modena, operaio rifiuta il tampone: l’imprenditore spara