Udine, donna cade vicino ad un ospedale: soccorsa dopo 20 minuti

0
2

Udine, donna cade vicino ad un ospedale: soccorsa dopo 20 minuti. Il ritardo nei soccorsi è stato denunciato dal consigliere regionale del Friuli Venezia Giulia Walter Zalukar

Ambulanza
Udine, donna cade vicino all’ospedale: soccorso dopo 20 minuti (Foto: Facebook)

Ancora un caso di mancanza di soccorso tempestivo nell’area montana del Friuli Venezia Giulia. A sottolinearlo è stato il consigliere Walter Zalukar che ha stigmatizzato un recente fatto di cronaca. Una donna è rimasta vittima di un incidente a soli 500 metri dall’ospedale di Tolmezzo (nella zona di Udine), cadendo rovinosamente da una scalinata. Rimasta a terra con profonde ferite, ha dovuto aspettare ben 20 minuti per l’arrivo dell’ambulanza e il conseguente trasporto al Pronto Soccorso. L’esponente del Gruppo Misto ha dichiarato: “E’ solo l’ennesimo caso: la situazione del soccorso sanitario nell’area montana della Regione rimane assai critica”.

Il fatto risale allo scorso 12 agosto ma è stato diffuso solamente di recente. La signora ha battuto violentemente la faccia e ha perso molto sangue. Era impossibilitata a muoversi e aveva bisogno di urgenti cure. Il 112, avvisato tempestivamente, si è fatto vivo solo dopo una lunga attesa, in cui la donna è rimasta in una posizione “assai infelice”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bambino cade dal quarto piano, morto in ospedale

Udine, donna cade vicino ad un ospedale: soccorsa dopo 20 minuti

Pronto Soccorso
Udine, donna cade vicino ad un ospedale: soccorsa dopo 20 minuti (Foto: Facebook)

Secondo quanto riportato dal consigliere comunale Zalukar, è servita una seconda chiamata dopo un quarto d’ora di attesa. Il tutto a soli 500 metri dall’ospedale cittadino, una vera vergogna. E purtroppo non è il primo caso. Il politico ricorda i precedenti: “A novembre 2019, sempre a Tolmezzo, una persona colta da malore rimase a terra 40 minuti nell’attesa dell’ambulanza che non arrivava, Ci pensò la polizia a portarla in ospedale”.

Nonostante le interrogazioni in Consiglio comunale e la denuncia dei casi, ancora una volta ci si trova a fare i conti con quella che rientra a tutti gli effetti nella malasanità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Scuola, Azzolina: “Daremo certezze a tutti gli studenti”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui