Sorelle morte nel campeggio di Massa, due avvisi di garanzia

0

Sorelle morte nel campeggio di Massa, la tragedia poteva essere evitata? La Procura indaga ma intanto ci sarebbero i primi due avvisi di garanzia

Sorelle morte a Massa, la tenda della tragedia (screenshot da Youtube)

L’inchiesta sulla tragica morte di Malak e Jannat Lassiri, le due sorelline di origine maricchina, nel campeggio di Massa, va avanti. Quel pioppo caduto sulla loro tenda mentre stavano ancora dormendo domenica mattina era in buone condizioni e quindi è stata solo una tragica fatalità? Oppure qualcuno poteva intervenire prima evitando che il vento provocasse la caduta?

Il primo passo è arrivato oggi. Secondo le prime informazioni infatti due avvisi di garanzia sarebbero stati emessi nell’ambito dell’inchiesta. Ad essere stati iscritti nel registro degli indagati sarebbero i due soci che gesdtiscono il camping.Un provvedimento arrivato dopo l’ispezione dell’agronomo incaricato dalla Procura di Massa Carrara per verificare le cause del cedimento.

Da verificare se il crollo possa essere stato provocato dal forte vento che soffiava sulla zona oppure se la pianta fosse già malata.  Nei prossimi giorni anche un consulente di parte dovrebbe esaminare la pianta, Intanto però domani, 2 settembre, all’ospedale San Luca di Lucca si svolgerà l’autopsia sulle due sorelle, disposta senpre dalla Procura.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Maltempo al nord, cade un albero dopo bufera: morte due bambine

Il padre delle due sorelline morte chiede giustizia, non vendetta

Il padre delle due ragazze, Hicham Lassiri intando chiede che sia stabilita la vsrità e fatta giustizia. Secondo lui sembra evidente che quell’albero fosse marcio e quindi ci sono da accetare le responsabilità anche se non vuole accusare nessuno. Al quotidiano ‘Il Tirreno’ ha ricostruito anche cosa è successo nei minuti che hannl preceduto la tragedia. “Ci ha svegliato il rumore del vento. Un boato. E dopo pochi secondi è caduto l’albero”.

Ma ha anche raccontato che nel pomeriggio di domenica quando è tornato al campeggio ha visto che stavano tagliando alcuni alberi. “Allora mi chiedo: forse quegli alberi andavano tagliati prima? Forse anche l’albero che è caduto addosso alle mie figlie andava tagliato prima? Non c’è stata una tromba d’aria, solo un vento forte. Spero che si scopra la verità”, ha concluso sconsolato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui