Terremoto in Iran: scossa fortissima, le ultime novità

Terremoto in Iran: una scossa fortissima è stata registrata nella mattinata di oggi in una zona del centro-sud nel Paese. Tutti gli aggiornamenti

Iran ancora una volta colpito da una violenta scossa di terremoto. Alle 8.06 ora locale (le 5.36 in Italia) un sisma di magnitudo 5 ha colpito una zona nel nel centro-sud del Paese. In base ai dati dell’agenzia di monitoraggio geologico statunitense Usgs, l’ipocentro è stato a circa 10 km di profondità con epicentro 42 km a nordest di Mehr. Al momento non sono state rese note informazioni su eventuali danni a persone o cose.

Non è il primo terremoto violento però che colpisce l’Iran nel 2020. A maggio infatti e ancora prima a marzo due violente scorsse avevano interessato il Paese, al confine con l’Azerbaigian e con la Turchia, Almeno 9 i morti e moltissimi feriti, cauiato soprattutto dalla fuga della popolazione dalle case.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Terremoto in Grecia, scossa di magnitudo 4.2: i dettagli

Terremoto in Iran, un Paese a rischio: nel 2003 c’erano stati 26mila morti

Iran, il terremoto del 2017 (Getty Images)

L’Iran è terra soggetta a numerosi terremoti perché situato su due principali placche tettoniche. Nel 2003 ad esempio, un terremoto di magnitudo 6.6 aveva distrutto la storica città di Bam, nel sud-est del Paese, uccidendo 26.000 persone.

Iran, gli effetti del terremoto nel 2017 (Getty Images)

Più di recente, nel novembre del 2017, un sisma di 7,3 gradi di magnitudo aveva fatto tremare una zona montagnosa al confine tra Iran e Iraq. Nel solo Iran il sisma aveva causato almeno 445 morti e più di settemila feriti e altre sei vittime eramno state rehisttate in Iraq, appena oltre il confine.

La scossa era stata avvertita da milioni di persone, fino a Baghdad dove la gente aveva lasciato le proprie abitazioni. Un funzionario iracheno aveva parlato di una magnitudo di 6,5 gradi con epicentro a Penjwin nella provincia di Sulaimaniyah, Kurdistan vicino alla frontiera principale con l’Iran. Il sisma era stato registrato a 23,2 km sotto la superficie, una profondità relativa che quijndi aveva provicato danni pesanti. Oggi invece almeno per il momento sembvra che sia più circoscritto.