Coronavirus, nuova alleanza commerciale per trovare un vaccino

L’azienda Irbm, il colosso farmaceutico AstraZeneca e l’Università di Oxford hanno appena stretto un’alleanza per trovare un vaccino contro il coronavirus nel minor tempo possibile. 

Getty Images

Pietro Di Lorenzo, amministratore delegato dell’azienda Irbm, ha rilasciato alcune dichiarazioni sullo stato attaule delle ricerca di un vaccino contro il coronavirus. In questi giorni è infatti nata un’alleanza commerciale tra l’Università di Oxford, la società farmaceutica AstraZeneca e la divisione Advent di Irbm per trovare un vaccino nel minor tempo possibile. Di Lorenzo ha dichiarato che “come ha detto il presidente di AstraZeneca”, gruppo che sarà il distributore del vaccino, che “sta coordinando la produzione a rischio e ha il polso globale della situazione dalla fine di settembre qualunque momento è buono”. Continuando nel suo intervento ha poi affermato “per quanto ci riguarda continuiamo a fare il nostro lavoro che è quello della messa a punto delle dosi sperimentali. Incrociamo le dita.Allo stato attuale siamo con cauto ottimismo in fiduciosa attesa del risultato finale. Siamo alla fase finale della fase III. Penso quindi che in Ue abbiano ritenuto che questo candidato vaccino sia abbastanza avanzato e che quindi fosse giusto farsi avanti per prenotare”.

Leggi anche: Coronavirus, Flavio Briatore dimesso: le sue condizioni attuali

Coronavirus, Sutri: Sgarbi vieta utilizzo mascherina ai cittadini

Getty Images

Nella giornata di oggi Vittorio Sgarbi, sindaco del comune di Sutri, ha dichiarato che la giunta comunale ha emanato un’ordinanza che multerà tutti coloro che indossano la mascherina contro il coronavirus senza un giustificato motivo. Una misura inaspettata e inusuale, che sta facendo discutere un po in tutta Italia. Il decreto proibisce l’uso del dispositivo di protezione sia nei luoghi all’aperto che in quelli al chiuso nel caso in cui non ci sia un valido motivo per indossarla.

Leggi anche: Coronavirus, emergenza in Corea del Sud: sono finiti i posti letto