Monte Rosa, salvata un’escursionista dopo due giorni in un crepaccio

Un’escursionista salvata sul Monte Rosa dopo due giorni trascorsi dentro un crepaccio. Per la donna nessuna grave conseguenza a parte una leggera ipotermia.

escursionista monte rosa
(Pixabay)

Brutta avventura per un’escursionista russa residente in Germania, precipitata in un crepaccio sul massiccio del Monte Rosa. La donna, sprovvista dell’attrezzatura necessaria per affrontare l’escursione sul ghiacciaio, è finita sul fondo di un crepaccio profondo oltre 10 metri. Vestita con un paio di pantaloncini, è riuscita a trovare riparo su un ponte di neve, sopravvivendo così per due giorni e due notti, fino a quando è stata raggiunta dai soccorsi.

L’aumento delle temperature e l’accelerazione dello scioglimento dei ghiacciai sta rendendo – purtroppo – questo tipo di incidenti sempre più frequenti. A pesare anche  l’estrema difficoltà nel rilevare il pericolo quando non si ha l’adeguata conoscenza del territorio circostante. Nel corso di quest’ultima estate sono stati diversi gli incidenti, molti dei quali con vittime.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Valle d’Aosta, incidente in montagna: morta un’escursionista

Monte Rosa, escursionista salvata dopo due giorni e due notti

Elicottero soccorsi
 (Foto Pixabay)

L’incidente è avvenuto domenica 23 agosto, sul versante svizzero del massiccio. La donna stava procedendo da sola, quando è caduta per oltre 10 metri. Fortunatamente, non essendo stato diramato alcun allarme, l’escursionista è stata avvistata da altri alpinisti sul posto – come riferito dalla scuola di volo Air Zermatt – che hanno così potuto chiamare i soccorsi.

Una volta raggiunta dai soccorritori è stata trasferita in elicottero presso un ospedale svizzero nelle vicinanze. Al momento del ritrovamento la donna non ha riportato particolari traumi, a parte un’inevitabile principio di ipotermia (temperatura corporea di circa 34 gradi) dovuta alle quarantotto ore trascorse tra i ghiacci. Una storia a lieto fine, sia per la straordinaria resistenza fisica dell’escursionista che per il fortuito ritrovamento, dato che nessuno aveva ancora avviato alcun tipo di ricerca.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Austria, caduta di sassi in una gola: morti 2 escursionisti