Giornata internazionale del cane: la festa dedicata agli amici a 4 zampe

Oggi, 26 agosto, si celebra la giornata internazionale del cane, un’iniziativa volta a sensibilizzare le persone sul numero dei cani che aspettano di essere adottati.

Cane
Giornata internazionale del cane (photo Pixabay)

Secondo alcuni recenti studi, sono circa 7 milioni gli “amici a quattro zampe” presenti nelle famiglie di tutto il mondo. Con l’international dog day, si vuol dedicare un’intera giornata a questi amici, fonte di gioia per chi ci vive insieme. Gli stessi studi, infatti, come riporta Tgcom24, hanno portato alla luce come la presenza di un cane in famiglia rappresenti una fonte di benessere psicologico e fisico per l’uomo.

Sono però ancora molti gli amici a quattro zampe che si trovano nei canili e attendono di essere adottati.

Leggi anche >>> Classifica Spotify, le canzoni più ascoltate dell’estate: la lista completa

Giornata internazionale del cane, l’iniziativa

Cane
Cane (photo Pixabay)

Questa bellissima iniziativa è nata negli Usa, per volere di Colleen Paige, una fervente sostenitrice del benessere animale. Come riporta Tgcom24, la giornata vuole celebrare tutti gli amici a quattro zampe, oltre, ovviamente a sensibilizzarne l’adozione.

Infatti, da quanto si apprende, ci sono diverse problematiche legate proprio al mantenimento di un animale domestico quale il cane. Secondo i dati registrati, gli alimenti per i cani e le prestazioni veterinarie sono infatti gravate da un’aliquota Iva pari al 22%, proprio come se si trattasse di un bene di lusso.

Eppure, in base agli studi condotti da Swg per Ca’ Zampa, gruppo di centri per il benessere degli animali, molte persone che adottano cani li considerano al pari dei figli. Almeno il 37% di coloro che possiedono cani la pensa così. Lo stesso studio rivela invece che il 12% delle persone si sente più compreso dai propri animali che dai figli. Ci sono poi altri studi che hanno portato alla luce come la presenza di un cane in famiglia migliori il benessere delle persone, soprattutto quando si tratta di bambini e di persone che hanno superato i 65 anni.

Potrebbe interessarti anche: Apple, editori americani chiedono commissioni più basse

F.A.