Genova, maxi truffa a parroco: è caccia ai finti bisognosi

A Genova un parroco è stato vittima di una maxi truffa operata da un gruppo di romeni. 

Carabinieri marijuana
Carabinieri (Foto: Getty)

È successo Sampierdarena, uno dei quartieri più popolosi di Genova. Sette finti bisognosi sono riusciti a derubare il parroco locale, portandogli via i risparmi di una vita.

In un comune della Valpolcevera, don M.M. di 90 anni è stato derubato da dei finti bisognosi. I risparmi di una vita il curato gli avrebbe lasciati ai poveri ed ai bisognosi della zona. Di quei soldi spariti dal conto corrente dell’anziano, adesso, non si hanno più notizie. I Carabinieri della compagnia di Sampierdarena che aiutati dal parroco lavorano sul caso, nei giorni scorsi hanno depositato in Procura una prima informativa sull’episodio.

Potrebbe interessarti anche: Covid-19, Galli: “Pochi ricoveri, nulla di paragonabile alla prima ondata” 

Genova, maxi truffa a parroco: è caccia ai finti bisognosi

ragazzo investito
Carabinieri (Foto: Pixabay)

Le prime indagini sul caso della truffa di cui è stato vittima il parroco 90enne hanno già portato a degli indiziati. I sospettati sono in sette, cinque donne e due uomini.

I “finti bisognosi”, tutti di nazionalità romena, sono stati indagati dal sostituto procuratore Gabriella Dotto. L’accusa fatta nei loro confronti è truffa e circonvenzione di incapace. La Procura, assieme ai militari dell’Arma, sta lavorando per recuperare almeno parte della refurtiva. Possibile l’entrata in scena dell’Interpol.

Se si è giunti in modo così veloce verso la conclusione del caso, è solo grazie al parroco che ha fornito ai carabinieri minuziosi dettagli.

L’anziano parroco di Valpolcevera, in ritiro sulle alture di Campomorone, era alle prese con gli acciacchi dovuti all’età. Su invito dei propri familiari si convince di avere bisogno di un aiuto e quindi decide di assumere una badante.

La ragazza scelta per questo lavoro è stata una ragazza di nazionalità romena di 32 anni. La donna, una volta appresa la bontà del sacerdote, e dopo aver conquistato la sua fiducia ha messo in atto la truffa aiutata da altri sei suoi connazionali.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, anche Usain Bolt positivo al covid-19