App Immuni, flop nel numero di download: “Dovete scaricarla”

0
1

Continua a far discutere l’app Immuni. Presentata come elemento fondamentale per la ripartenza post lockdown, ha registrato un flop nel numero di download

app immuni
App Immuni, pochi i download (screenshot YouTube)

È stato uno degli argomenti maggiormente di discussione nel primo periodo post lockdown. L’app Immuni, inizialmente scaricata da ben 500mila utenti nelle prime 24 ore, ha subito una battuta d’arresto col passare dei giorni. A diversi mesi dal lancio, il software che servirebbe per tracciare i contagi sul territorio nazionale conta solo 5 milioni di download.

Un numero decisamente troppo basso, inaspettato al momento del suo lancio. Nonostante questo, però, l’applicazione sta continuando a fare il suo lavoro. Dal 1 giugno – riporta Adnkronos – ben 105 utenti positivi hanno caricato i loro dati su Immuni. Dal 13 luglio, poi, sono state inviate più di 800 notifiche a riguardo. Secondo gli ultimi dati, almeno quattro focolai sono stati fermati sul nascere grazie all’utilizzo dell’app.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp smetterà di funzionare su alcuni dispositivi: ecco quali

App Immuni, Denicolai: “Scaricatela, è uno strumento fondamentale”

app immuni
Prevista una nuova campagna di sensibilizzazione a riguardo (via WebSource)

Con l’aumentare dei casi da Coronavirus registrati negli ultimi giorni, sta crescendo anche il numero di download dell’App Immuni. Dal 1 giugno – giorno del suo lancio – solamente il 13% degli italiani ha scaricato il software. Intervistato da Adnkronos, il professore e membro della task force italiana Stefano Denicolai ne ha parlato. “Dovete scaricarla, può essere uno strumento quantomai importante per non far alzare la curva dei contagicommenta l’esperto:Si tratta di uno strumento che serve a prevenire, piuttosto che a reagire. Scaricandola eviteremo nuovi lockdown“.

Per sensibilizzare gli italiani, il ministro della Salute Roberto Speranza ha già annunciato che presto ci sarà una nuova campagna a riguardo. L’obiettivo è quello di far scaricare Immuni ad un numero più alto di persone, sottolineando come essa non raccolga alcun dato sensibile delle persone registrate.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Google Sabrina, nuovo dispositivo che rende la TV Smart

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui