Coronavirus, ecco come ripartiranno le università: il protocollo 

Coronavirus, ecco il disegno universitario per la riapertura sei mesi dopo lo stop. Il mondo accademico è pronto a ripartire a settembre e con delle regole ben precise. 

Le università sono pronte a ripartire in vista di settembre, e chiaramente con un protocollo ben specifico specifico in virtù della minaccia ancora vigente del Covid-19. Come racconta La Repubblica oggi in edicola, il mondo universitario ripartirà sulla base di tre regole precise: lezioni a numero ridotto, distanziamento sociale e mascherina obbligatoria.

Istruzione università test calendario
 (Getty Images)

Coronavirus, il piano delle università

La regola numero uno sarà la prenotazione: senza, non vi si potrà accedere all’aula. Una decisione doverosa per cercare di non superare il numero fisso fissato al 50% della capienza massima. In ogni caso, per chi non riuscirà ad avere un posto in aula, si potrà comunque seguire la lezione da casa come si è fatto durante il lockdown.

Potrebbe interessarti anche —-> Vaccino Covid, somministrata prima dose allo Spallanzani: “Forse pronto in primavera” 

Agli alunni, disposti a scacchiera in aula per corsi ed esami, verranno segnalati i posti dove sarà possibile sedersi e le stanze verranno ogni giorni sanificate garantendo anche il ricambio d’aria. Solo il professore, in virtù anche della sua distanza, potrà abbassarsi la mascherina.

Non vi sarà la misurazione della febbre per recarsi a lezione, ma sarà ovviamente vietato giungere con febbre, tosse o raffreddore. Presente in ogni aula, infine, il gel disinfettante. Secondo quanto assicura il quotidiano, il comitato tecnico scientifico avrebbe già dato l’ok per questo schema ritenuto assolutamente adeguato.

Leggi anche —-> Covid-19, l’immunologo spiega: “Ecco perché la malattia si è indebolita”