Papa Francesco ricorda il terremoto: “Bisogna accelerare le cose”

Papa Francesco ha oggi ricordato tutte le vittime del terremoto che nel lontano 2016 ha colpito l’Aquila e tutte le zone vicine dell’Italia.

governo Papa Francesco
Papa Francesco (photo Gettyimages)

Papa Francesco oggi ha voluto pregare e ricordare soprattutto. Il Santo Padre ha affermato che è un momento molto delicato un momento alla fine del solito Angelus per ricordare quanto accaduto anni fa all’Italia e agli italiani. Tantissime persone hanno perso la vita, tante persone hanno perso tutto quello che avevano, tante stanno ancora aspettando di riavere una vita indietro. Questo perché le ricostruzioni di ampie zone di territorio non sono ancora completate. C’è ancora tantissimo da fare, i fondi scarseggiano e ora l’emergenza per il Covid-19 ha ovviamente rallentato ogni pratica ed ogni procedura in termini di ricostruzione delle zone. Il Santo Padre ha voluto ricordare tutti, spingendo i fedeli ad un momento di raccoglimento e di preghiera alla fine della messa domenicale.

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, Speranza è sicuro: “Non ci sarà nuovo lockdown”

Papa Francesco ricorda il terremoto: “Bisogna accelerare le cose”

Papa Francesco ha sostenuto che bisogna ricordare quello che è successo. Il numero uno della Chiesa Cattolica ha affermato che ora è necessario ricostruire, riprendere, andare avanti. “Rinnovo la preghiera per le famiglie e le comunità che hanno subito maggiori danni”, ha detto Papa Francesco alla fine dell’Angelus. Ora la figura religiosa ha affermato che è necessario che il Governo e chi di dovere si impegni e si concentri sul futuro, sulla ricostruzione, sul rifondare città e comunità. “affinché la gente possa tornare a vivere serenamente”, ha detto il Santo Padre, “in questi bellissimi territori dell’Appennino”. Insomma, il Santo Padre ha voluto ritornare con il cuore e con la mente ad un momento molto difficile della recente storia italiana, che ancora oggi crea problemi.

LEGGI ANCHE —> California, bimbo di 4 anni ucciso dal padre: l’assurdo motivo