Matera, all’ospedale lettini abbandonati all’ingresso: la denuncia su Facebook

0
1

All’Ospedale Madonna delle Grazie di Matera ci sono decine di lettini non utilizzati e abbandonati all’ingresso, la foto-denuncia di un paziente su Facebook.

ospedale matera lettini abbandonati
Fonte: Facebook

Decine di lettini che potrebbero essere utilizzati in un periodo di emergenza come quello che stiamo vivendo a causa del Coronavirus. Oppure, che andrebbero smaltiti come rifiuti. Invece, restano all’intemperie all’ingresso dell’Ospedale di Matera. Lo denuncia con una foto uno dei pazienti che in questi giorni sono stati nel nosocomio della Basilicata.

Una situazione critica che si aggiunge a quella da tempo denunciata dai sindacati. Solo poche settimane fa, infatti, i segretari di Fials Matera Gianni Sciannarella e Fials Adms Angelo Fracchiolla avevano esposto in una nota congiunta diverse carenze nei servizi offerti dall’ospedale.

In primis, l’interruzione del servizio di parto analgesia che continua da marzo. Inoltre, la difficoltà degli utenti di prenotare visite agli ambulatori perché possibile soltanto effettuare richieste per esami urgenti o prioritari.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus, positivo anche il prefetto di Matera

Ospedale di Matera, le carenze denunciate dai sindacati

Gli ambulatori di routine sono fermi -hanno sottolineato i sindacati- e nemmeno le visite mediche da effettuare prima delle operazioni chirurgiche vengono svolte prontamente (riporta la nota). Infine, ribadiscono sempre i sindacati, anche il lavoro delle sale operatorie è fortemente compromesso a causa della mancanza di medici che effettuino le anestesie. Finanche la società addetta alla sterilizzazione della strumentazione è dovuta ricorrere alla cassa integrazione per undici dipendenti.

I segretari richiedono che l’organico sia rafforzato con l’assunzione di nuovi medici e infermieri, nonché operatori socio-sanitari e ostetrici. Mancanza di dispositivi di protezione individuale e turni stancanti sono le criticità che i sindacati rimarcano con maggiore attenzione.

Infine, la nota congiunta dei sindacati rimarca come i cosiddetti “eroi della sanità pubblica”, ovvero i medici e gli infermieri che hanno lottato in prima linea contro il Covid19 non abbiano ancora ricevuto il bonus che era stato previsto dalla Regione Basilicata.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui