Coronavirus, a Bergamo zero nuovi casi: è la prima volta

A Bergamo per la prima volta da febbraio, si sono verificati zero casi di contagio da coronavirus. L’attenzione resta alta, ma il peggio per la città sembra ormai alle spalle. 

Getty Images

Bergamo è stata una delle città italiane più colpite dall’epidemia di coronavirus che ha messo in ginocchio il nostro paese. C’è stato un momento in cui il comune non aveva più posti nel cimitero per ospitare le numerosissime vittime di questa terribile pandemia. Ma adesso, la città può finalmente tirare un primo seppur cauto sospiro di sollievo. Per la prima volta da febbraio infatti, a Bergamo nella giornata di oggi si sono registrati zero contagi. Un segnale estremamente positivo, che lascia sperare che il peggio sia ormai alle spalle. L’attenzione naturalmente resta alta in tutta la provincia, e i controlli verso coloro che arrivano dall’estero per prevenire i casi d’importazione sono adesso fondamentali. 

Leggi anche: Vaccino Coronavirus, Cina pronta con un altro candidato

Coronavirus, nel Lazio è record di contagi

Getty Images

Nel Lazio invece, si è raggiunto nella giornata di oggi il record di contagiati. I numeri parlano infatti di 215 nuovi positivi al coronavirus. Un dato che non si era registrato nella regione nemmeno durante il lockdown. Sicuramente a questo improvviso e preoccupante incremento ha contribuito il rientro di molti cittadini dalle vacanze. L’assessore regionale alla Sanità Alessio Amato ha dichiarato in proposito che che 97 dei 215 nuovi casi sono arrivate da persone che erano ritornate dalla Sardegna. Si tratta però quasi totalmente di giovani asintomatici che sono stati preventivamente messi in isolamento domiciliare. Amato ha poi dichiarato che  “il tema non sono le ospedalizzazioni o le terapie intensive, assolutamente sotto controllo e non danno alcuna preoccupazione. Ma bloccare tempestivamente le catene di trasmissione rintracciando gli asintomatici ed evitare che venga diffuso il virus in ambito familiare”.

Leggi anche: Coronavirus, la scoperta degli esperti: può causare una rara complicanza