Coronavirus, Sardegna: 470 turisti in quarantena

Il coronavirus è tornato a spaventare il Bel Paese. I contagi stanno aumentando in modo esponenziale, e dopo la chiusura delle discoteche, in Sardegna 470 turisti sono in quarantena

Confische Gdf
Sardegna, ville e resort (Foto: Getty)

Nell’arcipelago della Maddalena, sull’isola di Santo Stefano, un dipendente con contratto stagionale è risultato positivo al coronavirus. I villeggianti, 475 turisti entrati a contatto con il suddetto, sono costretti a restare in quarantena fino all’arrivo dell’esito dei tamponi.

I villeggianti sono tenuti in quarantena in un resort nell’isola di Santo Stefano. All’interno della struttura i villeggianti possono recarsi nella spiaggia privata a prendere il sole, cenare al ristorante o giocare a tennis. Ma non possono uscire fuori dal resort.

Le giornate per loro scorrono uguali a prima ma con una nota di inquietudine, come dimostra la tentata fuga di due dei villeggianti. Prima dell’arrivo dei test nessuno può allontanarsi o abbandonare la struttura.

Potrebbe interessarti anche: Madonna, marijuana e niente mascherine: un compleanno speciale

La positività del dipendente stagionale

sardegna mare
Mare (Pixabay)

Qualche giorno fa, un dipendente stagionale di 60 anni è stato ricoverato con sintomi da covid a Sassari. Dopo l’allarme, è scattata la quarantena nei confini del villaggio. Due turisti, in preda al panico hanno tentato la fuga diretti all’aeroporto di Olbia ma sono stati subito bloccati.

Per il primo cittadino de La Maddalena, Luca Montella, non c’è nessun allarme ma bisogna semplicemente attendere l’esito dei tamponi. Non solo. Il sindaco ha emanato una nuova ordinanza. Obbligo di mascherina anche all’aperto e a qualsiasi ora.

Il caso Santo Stefano non è l’unico e segue quello di Carloforte. In questa località a inizio agosto si era registrata un’impennata di contagi dovuta alla movida giovanile. Lo screening di massa è riuscito a isolare 11 contagiati su oltre 400 tamponi.

Potrebbe interessarti anche: Messina, spiagge sanificate dal Covid: ma in realtà non serve