Wuhan, festa in piscina nel primo focolaio del Covid19: migliaia ammassati senza mascherina

0
35

Migliaia di ragazzi di Wuhan ammassati per una festa in piscina senza mascherine e senza mantenere le distanze di sicurezza nella città da dove è partito il Covid19.

Wuhan festa piscina

 

La notizia è stata lanciata a livello internazionale dall’agenzia giornalistica Afp e ha fatto scoppiare polemiche in tutto il mondo. Scenario della festa il Maya Beach Water Park che ha riaperto soltanto lo scorso giugno dopo le chiusure imposta a causa della pandemia da coronavirus.

La festa di Ferragosto nel parco acquatico ha chiamato a raccolta migliaia di giovani. Sebbene l’amministrazione abbia fatto entrare soltanto la metà delle persone previste dalla capienza massima, si sono tutte radunate nei pressi della piscina e di un palco su cui si esibiva una band.

Assenza di distanziamento sociale e di dispositivi di protezione individuale hanno fatto indignare il mondo intero, visto che Wuhan è il primo focolaio del Covid19.

Le immagini diffuse da Afp mostrano centinaia e centinaia di giovanissimi vicinissimi tra di loro. Le persone ballano in acqua festosamente al ritmo della musica e nessuno indossa mascherine.

La Cina ha osservato una quarantena molto lunga, durata oltre 73 giorni in cui tutte le attività economiche e sociali sono rimaste chiuse. Dal 23 gennaio, la provincia dell’Hubei è stata considerata l’epicentro della pandemia. Il mercato degli animali di Wuhan è stato il luogo del salto di specie del coronavirus dal pangolino all’uomo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus Wuhan: è la fine dell’incubo, i risultati dei test

Seconda ondata di Covid19 in Europa

Eppure, Wuhan sembra non temere più il contagio del coronavirus nonostante il mondo intero stia affrontando l’inizio di una seconda ondata. In Europa, i contagi sono in aumento di nuovo in tutte le nazioni. Nel mondo, si è registrato il nuovo primato di contagi in un solo giorno: i nuovi malati sono oltre 294 mila.

L’Unione Europea vede numerose nazioni imporre nuovi limiti, quarantene e lockdown locali per contrastare i contagi di Covid19. Causa scatenante sono i turisti che viaggiano da un paese all’altro e non rispettano le misure di sicurezza, soprattutto nei locali e nelle discoteche.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui