Macron al fianco del popolo bielorusso: l’appello su Twitter

0
1

Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, si schiera al fianco del popolo bielorusso. Su Twitter arriva l’appello all’Ue del primo ministro transalpino.

Macron Bielorusso
La vicinanza del presidente francese al popolo della Bielorussia (Getty Images)

Prende una posizione decisa Emmanuel Macron, che si schiera apertamente al fianco del popolo bielorusso, attraverso un tweet sul proprio profilo. Il primo ministro francese si è mostrato solidale con tutti coloro che hanno marciato per la libertà a Minsk, capitale della Bielorussia di Lukashenko.

Dopo la sesta rielezione consecutiva, il popolo bielorusso ha chiesto al presidente di dimettersi, ma Lukashenko ha altri piani e non ne vuole sapere di rinunciare ai suoi poteri. Di tutta risposta, l’Unione Europea ha deciso di sanzionare la Bielorussia ed i suoi funzionari, accusati di repressione e sospetti brogli elettorali.

Molto probabilmente, domenica 16 agosto sarà ricordata sempre nella capitale bielorussa, come il giorno della libertà, dove migliaia di bielorussi hanno sfilato per contestare il leader del paese. Andiamo a vedere le parole di Macron, che ha preso una posizione decisa contro il governo Lukashenko.

LEGGI ANCHE -> Bielorussia, Marcia della Libertà a Minsk contro Lukashenko

Macron è con il popolo bielorusso: l’invito all’Unione Europea

Bielorussia
Manifestanti sfilano per la libertà a Minsk (via Getty Images)

Continua così il braccio di ferro tra popolo bielorusso ed il leader Lukashenko. La paura più grande è quella di un intervento delle forze militari per placare gli animi dei manifestanti. Infatti, una delle persone favorevoli all’intervento militare è Vladimir Putin, zar della Russia. Il popolo bielorusso, però, non si tira indietro, specialmente dopo il suffraggio bulgaro dell’80% dopo le votazioni presidenziali.

Lukashenko, così, è al potere da oramai 26 anni. Ma il popolo è pronto a lottare per una nuova era, specialmente dopo la morte di un manifestante ucciso dalle forze dell’ordine del presidente bielotusso. Anche il Papa dutante l’Angelus ha rivolto un pensiero alla Bielorussia, invitando al dialogo e al rispetto della giustizia e del diritto, rifiutando la violenza.

Così la marcia per la libertà diventa il punto culmine delle proteste, dopo una settimana di scontri e violenze contro la repressione dettata da Lukashenko.

L.P.

Per altre notizie di Cronaca Estera, CLICCA QUI !

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui