Formula 1 GP di Spagna: Hamilton passeggia, Ferrari doppiata

Formula 1 GP di Spagna: cavalcata solitaria per Lewis Hamilton che passeggia e allunga. Disastro Ferrari: Leclerc ritirato, Vettel settimo

Formula Ungheria
Formula 1, GP di Spagna dominato da Lewis Hamilton (Getty Images)

Formula 1 al Montmelò, nulla cambia sotto il sole di Spagna. Lewis Hamilton in testa dal primo all’ultimo metro, Max Verstappen che gli fa solo il solletico ma non riesce mai a stargli realmente vicino. E un’altra giornata da dimenticare per la Ferrari che ha lottato per le posizioni di rincalzo prima del ritiro di Leclerc e del settimo posto di Vettel che ha lottatio come un leone.

Qualifiche F1
Ritiro amaro per la Ferrari di Charles Leclerc (Getty Images)

Rispetto alle due gare di Silverstone, al Montmelò emozioni con il contagocce. In partenza Hamiolton è andato via liscio anche perché Bottas si è perso lasciandosi sfilare da Verstappen e dalle due Racing Point. Poteva essere l’inizio di un confronto diretrtro acceso, ma in realtà la Red Bull non era quella dell’Inghilterra e nomn è mai riuscita a tenere il passo Mercedes.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Formula 1, GP di Silverstone: vince ancora Hamilton, Leclerc sul podio

GP di Spagna, Leclerc ritirato e deluso dalla macchina ma Vettel si salva

GP di Spagna, il bilancio finale della Ferrari è un disastro.  Amarissima la gara di Charles Leclerc che grazie ai cambi gomme degli altri si è ritrivato per breve tempo vicino al podio ma ha tardato troppo il suo pit stop. Così è rimasto intruppato in gruppo prima che la sia Ferrari SF1000 lo abbandonasse. “Si è spenta completamente la macchina, non c’era nessun modo per andare avanti. La stessa immagine degli ultimi weekend, non siamo abbastanza forti. Dobbiamo lavorare per diventare più forti, qui non c’è niente che funziona”, ha detto a Sky Sport.

formula 1 qualifiche
Sebastian Vettel, prova d’orgoglio (Getty Images)

Per una volta sugli scudi invece Sebastian Vettel che è stato doppiato come tutti (tranne Verstappen e Bottas). Ma almeno nel finale ha tenuto duro con le gomme finite e ha portato a casa un settimo posto buono solo per il morale. Tra due settimane a Spa qualcosa potrebbe cambiare, almeno nelle qualifiche senza la mappatura magica Mercedes. Ma per Maranello sembra una stagione già ora da buttare.