Covid-19, Tarro: “Terrorismo mediatico senza prove, solo giochi politici” 

Covid-19, il professor Giulio Tarro continua ad andare contro la comunità scientifica. “Terrorismo mediatico senza alcuna riprova scientifica, la pandemia è solo un gioco politico”, incalza il medico. 

Coronavirus

Covid-19, il professor Giulio Tarro continua ad incalzare e ad andare controcorrente. Il virologo napoletano, noto per le sue posizioni totalmente opposte alla comunità scientifica sin da inizio pandemia, rilancia di nuovo e lo fa in maniera sempre più veemente.

Morti Covid Usa
 (Foto: Getty)

Covid-19, Tarro: “Solo giochi politici”

“”Ci terrorizzano senza alcuna tesi scientifica! Dietro l’emergenza solo interessi politici”. Ignoranza e malafede sarebbero gli elementi alla base di questo comportamento che ruota intorno all’informazione sulla diffusione del virus”, scrive infatti il medico via Twitter.

Il suo pensieri dunque non cambia: una problematica epidemiologica c’è, ma senza scenari critici e apocalittici come ci illustrano. E soprattutto senza la vera necessità di lockdown, chiusure varie o ordinanze coercitive che ci limitano la nostra intimità, libertà e che condizionano la nostra professione.

Potrebbe interessarti anche —-> Discoteche, il governatore Emiliano: “Danni gravissimi, chiesto sostegno al Governo”

Pochi giorni fa Tarro aveva mostrato il proprio disappunto con un altro cinguettio: “Pian piano il vaso della dittatura si sta riempiendo e quando sarà colmo non vi sarà più spazio alla libertà, che in questi ultimi mesi ci è stata tolta per dare spazio ad un terrorismo mediatico senza basi scientifiche”. 

La sua è una battaglia imperterrita, e lo scorso 10 agosto anche recriminava gli atteggiamenti nazionali con numeri alla mano: “Ormai i decessi si contano sulle dita di una mano, i contagi sono naturali, le terapie intensive vuote e invece di guardare le cose con ottimismo si sta rovinando anche il mese di agosto con allarmismi ingiustificati”. 

Leggi anche —-> Covid-19, giornata record con 294mila nuovi casi: 21 milioni in totale