West Nile virus, casi nel modenese e nel lodigiano: sale l’allarme

West Nile virus, un caso nel modenese e alcuni nel lodigiano. Non è ancora allarme rosso ma sale il livello di attenzione

West Nile virus in Italia (Pixabay)

In Italia torna l’allarme per il West Nile virus, che nulla ha a che fare con il Covid-19, ma è lo stesso mortale. Già negli ultimi anni erano stati diversi i casi, soprattutto in Emilia e Lombardia, e adesso sono tornati di moda. In particolare nel Modenese alcuni insetti catturati sono stati anche riscontrati positivi.

Come spiega la Ausl di Modena, è stato accertato un caso di febbre da West Nile in una persona ricoverata nei giorni scorsi presso il Policlinico modenese. Quindi non è ancora allarme rosso, ma bisogna fare attenzione anche perché la zanzara Culex pipiens, che provoca il contagio, è molto comune in orari serali.

Febbre, ma non solo, i sintomi del contagio (Pixabay)

Non è tutto perché altri sei casi di febbre del Nilo sono stati accertati nel Lodigiano come ha comunicato l’Ats locali. Per questo sonio state avviate le classiche disinfestazioni contro le zanzare nei comuni coinvolti. Lo spiega un articolo del ‘Cittadino di Lodi’ che indica anche i comuni coinvolti. Sono Graffignana, Borghetto, Vidardo, Casaletto, San Martino, Massalengo e Bassa Lodigiana.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Invasione di zanzare in Italia: schizzano i numeri, ecco perché 

Epidemia di West Nile Virus, come difendersi dagli attacchi delle zanzare

Lo scorso anno in tutta Italia i casi di West Nile virus sono stati almeno una trentina soprattutto nelle regiomni del Centro Nord. Per questo le regioni interessate hanno varato un protocollo con il quale trattare i casi sospetti, ma anche una serie di buone regole da seguire.

In crescita i casi di West Nile (Pixabay)

In base al protocollo è consigliabile ridurre al minimo la presenza delle zanzare dentro le abitazioni proteggnendo le finestre con zanzariere e condizionatori. Possono essere usati anche apparecchi  che emanano insetticidi liquidi oppure a piastrine o zampironi, sempre con le finestre aperte.

Inoltre i repellenti devono essere applicati sulle parti scoperte del corpo, utilizzandoli secondom le dosi e i modi indicati sulla confezione. Infine è consigliato vestirsi sempre con colori chiari, indossando vestiti leggeri ma con maniche e pantaloni lunghi, senza utilizzare profumi.