Lago Maggiore, una 20enne annega: terzo caso in un mese

Lago Maggiore, una 20enne di origine marocchina è annegata nel tardo pomeriggio di oggi mentre stava facendo un bagno

pavia ragazzo annegato
Lagio Maggiore, 20enne annegata mentre fa il bagno (archivio Vigili del Fuoco)

Nel Lago Maggiore una ragazza 20enne che si era appena tuffata per un bagno con gli amici è annegata poco prima delle 18. La ragazza era insieme ad alcuni amici, ha avuto difficoltà dopo essersi immersa e non è riuscita a tornare a riva di fronte allla spiaggia di Arolo di Leggiuno (spoda varesina).

Subito i suoi amici hanno allertato i soccorsi e sono intervenuti i Vigili del fuoco con un elicottero oltre alla Guardia costiera del Lago Maggiore. Ma per la ragazza non c’era guà più nulla da fare. Il suo corpo è stato recuperato dopo oltre un’ora da un operatore addestrato per il soccorso acquatico. L’ha recuperatol ad una profondità di circa cinque metri e lo ha riportato a riva. Sarà l’autopsia a stabilire le cause della tragedia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Piacenza, annega nel Po per salvare il suo cane

Lago Maggiore, terzo dramma simile nel giro di un mese: tutte vittime giovani

Il dramma di oggi nelle acque del Lago Maggiore è il terzo in poco più di un mese da quelle pasrti. Ad inizio luglio infatti la stessa sorte era toccata ad un ragazzo di 27 anni. Anche lui stava facendo il bagno nelle acque del Lago, quella volta ad Ispra, e ha accusato un malore.

Lago Maggiore
Lago Maggiore, un 27enne è mortomuore mentre faceva il bagno (Getty Images)

Solo un paio di settimane prima un 15enne era annegato nelle acque del Ticino dopo un tuffo con gli amici. Il gruppetto di amici aveva raggounto il pontile dismesso dell’ex Navigazione Laghi, nonostante il cartello di divieto d’accesso. Poi il tuffo e il malore che gli è statol fatale nonostante l’intervento degli specialisti del Soccorso nautico e dei subacquei arrivati da Milano. Da Como efra arrivato anche l’elisoccorso che aveva calato i medici rianimatori sulla riva del fiume per un intervento inutile. Un’imprudenza trasformata in tragedia, come forse è stato anche negli altri due casi.